Rassegna Stampa

De Rossi: ”Siamo una squadra vera, torneremo a vincere”

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 14-02-2014 - Ore 08:30

|
De Rossi: ”Siamo una squadra vera, torneremo a vincere”

Parola d’ordine: ripartire. Daniele De Rossi prova a voltare pagina a poche ore dal brutto ko in coppa Italia con il Napoli: «E’ stata la sconfitta degli episodi – spiega a margine della presentazione del libro autobiografico di Giacomo Losi, “Core de Roma” – avessimo segnato subito avremmo cambiato la gara. Sono partite, il calcio è questo, bisogna buttarla dentro. Nel secondo tempo abbiamo abbassato il raggio d’azione e l’abbiamo pagata cara». Nella tifoseria tiene banco la mancata reazione dopo l’uno-due partenopeo ad inizio ripresa: «Contro una squadra così forte come è il Napoli succede che inizi a subire e quando prendono il pallino non riesci a reagire. Ci sono stati dieci-quindici minuti in cui abbiamo creato delle occasioni. Dopo il secondo e terzo gol la partita si è rovinata».



Due sole sconfitte in stagione ma con il medesimo punteggio e a distanza di poco più di un mese. De Rossi trova poche analogie: «I risultati sono gli stessi, le modalità anche, ma perdi contro i due club più forti d’Italia. Abbiamo perso solo 2 partite contro squadre molto forti e per di più in casa loro, ma vincendo poi in altre circostanze. Non possiamo essere tristi per quanto stiamo facendo: certo siamo dispiaciuti per aver perso il primo obiettivo stagionale ma siamo lì ed il cammino è lungo. Ricordiamoci che in campionato siamo dietro solamente alla Juventus».



LA PROMESSA
Il pensiero è già alla Sampdoria: «Quando perdi così a metà stagione non puoi far altro che andare avanti. Domenica sera abbiamo già un’altra partita importantissima e la stagione è ancora lunga. Ci tireremo su come abbiamo già fatto dopo la sconfitta con la Juventus inanellando una serie di vittorie importanti. Quest’anno siamo una squadra vera e ricominceremo a vincere sicuramente». Passerella finale sull’argomento del giorno – il poco cinismo sotto porta – tirato in ballo da Garcia nel post-gara dell’altra sera: «Manca un bomber da 25 gol a stagione? Questa domanda la dovete fare ai dirigenti, a Sabatini, non a me. E’ chiaro che servirebbe a tutte le squadre, alla Roma come al Chievo, ma queste reti le possono segnare anche Destro e Totti che, fino allo scorso anno, ne faceva 30. Per adesso, comunque, è inutile parlarne: metterebbe pressione a chi 25 gol a stagione non li ha fatti».

Fonte: Il Messaggero

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom