Rassegna Stampa

De Rossi, ultima chiamata per riprendersi la Roma

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-04-2016 - Ore 06:59

|
De Rossi, ultima chiamata per riprendersi la Roma

GAZZETTA DELLO SPORT - CECCHINI - La sua non è stata una Pasqua di resurrezione, ma chissà se sarà rimasto sorpreso davvero oppure no. La Roma di Daniele De Rossi all’improvviso è diventata sbiadita, ma non per questo vissuta con meno passione perché lui è uno di quelli (dei pochi) che ha davvero il giallorosso nel cuore. Certo, fa impressione notare come gli ultimi tre weekend abbiano raccontato questa storia un po’ malinconica: il 19 marzo in campo per un minuto nel recupero di Roma-Inter; non convocato per le due partite della Nazionale contro Spagna e Germania a cavallo della Pasqua e il 3 aprile non impiegato nel derby (!) contro la Lazio. Impressioni? Fino a un anno fa sarebbe stato impensabile che in un filotto del genere uno come De Rossi non sarebbe stato mai protagonista. Ma uno come lui ha carattere a sufficienza per non abbattersi, e se è vero che a volte i libri del cuore descrivono le persone, basti pensare che il suo preferito, «Shantaram», racconta la storia dell’autore, Gregory David Roberts, cioè di un australiano che è stato rapinatore, eroinomane, carcerato, evaso e poi rifugiato in India. Come dire, le rinascite al centrocampista della Roma affascinano parecchio.

Lui e Spalletti Il problema (o l’opportunità) per lui si chiama Luciano Spalletti. Ormai l’allenatore ha scelto una chiara linea che tende a non privilegiare più il «nome» (chiedere a Totti per informazioni), ma la condizione, e finora anche De Rossi – al netto della ricaduta al polpaccio – lo sta sperimentando. Nonostante girino persino pettegolezzi a Trigoria su frizioni tra i due protagonisti (zero conferme), così invece Spalletti ha sintetizzato il loro rapporto prima del derby, in cui non il centrocampista fu impiegato: «Daniele può giocare negli undici, ma bisogna considerare anche gli equilibri di squadra e quello che possono proporre altri giocatori come lui. Però sono tranquillo: De Rossi sa quale è il modo di pensare di un allenatore». Fu l’anticamera della panchina, così come le parole spese ieri dal tecnico non sono state chiarificatrici. «Daniele? Bisogna tener conto delle condizioni generali di tutti. Ci sono tanti giocatori pronti a dare il loro contributo con la loro qualità».

Lui e l’azzurro Ecco, De Rossi sarebbe fra quelli che scalpitano per mettersi a disposizione, anche perché l’equivalenza di una Roma che brilla (anche) per la sua assenza – avanzata da gente di scarsa memoria – sarebbe troppo amara da metabolizzare. Certo, pensare che a rubargli il posto è finora un campione come Keita, che però ha 34 anni, aiuta a inquadrare la situazione psicologica di Daniele, dalla quale però forse la partita di oggi contro il Bologna potrebbe liberarlo. Rivedendo Donadoni, poi, per il centrocampista sarebbe un modo per ricordare il tempo in cui era protagonista in azzurro, visto che il tecnico del Bologna è stato c.t. in quel biennio 2006-2008 forse troppo sottovalutato. In questi mesi, tra l’altro, De Rossi sembra essere scivolato via pure dalla Nazionale, nonostante il c.t. Conte all’inizio del suoi biennio contasse tantissimo su di lui. Ma lo sport (come la vita) a volte ha bisogno di slogan, e così le 7 partite che mancano da qui a fine campionato possono essere decisive per Daniele per riprendersi la Roma e – se ci sarà tempo – anche l’Europeo. E poi? Il contratto del centrocampista scadrà a giugno 2017 e di sicuro da tempo cantano per lui sirene statunitensi (soprattutto da New York). La sensazione, però, è che De Rossi resterà ancora in giallorosso per cercare di vivere un’ultima stagione da protagonista e da vincente. Ma per arrivare a quel futuro, occorre riappropriarsi del presente. Quello che Daniele vorrebbe con tutto il cuore.

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - CECCHINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom