Rassegna Stampa

De Sanctis & Buffon le mani sullo scudetto

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 05-01-2014 - Ore 07:35

|
De Sanctis & Buffon le mani sullo scudetto

Amici di lungo corso, Gigi e Morgan hanno beccato in tandem la metà dei gol che ha incassato il collega del Sassuolo. Bello sforzo, si potrebbe obiettare. Va bene. Allargando un po’ il discorso, in due hanno subito due reti meno di Napoli e Fiorentina. Così va bene? Affermare che l’esito della sfida dello Juventus Stadium sia nelle mani di Buffon e De Sanctis non è campato in aria. La Roma vanta la miglior difesa d’Italia e, Grecia esclusa, d’Europa; la Juve ha visto la propria porta violata quattro volte più di quella giallorossa, 11 contro 7, ma anche lì siamo a livelli di eccellenza, considerato che Buffon nelle ultime nove partite ha dovuto raccogliere il pallone alle proprie spalle soltanto una volta. E, allora, che dire di De Sanctis uscito dal campo imbattuto 11 volte su 17?

Divisi da meno di un anno di età, B & DS si sono incontrati in un ritiro azzurro che erano ancora bambini, l’uno promettente portiere del Parma, l’altro speranza del Pescara. E, guanto nel guanto, hanno fatte due carriere diverse, lontane, opposte per ritrovarsi alla fine con la solita maglia azzurra agli ordini prima di Lippi, poi di Donadoni e infine di Prandelli. Gigi ha vinto tutto quello che poteva vincere; Morgan non è riuscito a conquistare uno scudetto da protagonista neppure quando indossava la maglia bianconera che oggi è del suo amico Buffon. Conta, l’abruzzese, di avere ancora la possibilità di farlo, e questo ha spiegato, spiega e spiegherà ai compagni nello spogliatoio di Trigoria.

E stasera prima di andare a dormire avrà le idee più chiare. L’altro giorno, con parole semplici e toni decisi, Morgan ha parlato in maniera molto polemica del mondo Juve, abituato a ricevere regali (involontari, of course) dal prossimo, e se lo dice lui che lì ci ha vissuto occorre dargli retta. Di certo, la Roma di Rudi Garcia non è disposta a regalare niente a nessuno, tantomeno alla Juventus. E se è vero che i campionati si vincono incassando meno gol, e non segnandone di più, è arrivata l’occasione irripetibile per barricare la propria porta.

Fonte: Il Messaggero – M.Ferretti

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom