Rassegna Stampa

Demolito il reparto più solido

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 26-07-2013 - Ore 09:02

|
Demolito il reparto più solido

Chiudiamo un attimo gli occhi. Siamo a Maggio e dobbiamo cancellare l’ultima stagione della Roma.Partiamo dalle certezze: i centrali della difesa e l’attacco. Riapriamo gli occhi. Siamo a fine luglio e dobbiamo pensare a che cosa manchi alla Roma per essere competitiva, se non con Juve e Napoli (più Fiorentina), perlomeno con Milan, Udinese e Inter.

La difesa senza Marquinhos perde molto, ma Benatia e Jedvaj sembrano due buone grucce (restano Castan, Burdisso e speriamo Romagnoli). Maicon potrebbe essere motivato e Torosidis non è male. A sinistra potrebbe svegliarsi uno tra Balzaretti e Dodò.

 

L’attacco? Osvaldo è indisciplinato, via. Borriello è sul mercato da tre anni, via. Con il Destro arrivato l’anno scorso ci si potrebbe provare, ma con questo giocatore improvvisamente alle prese con misteriose bizze del ginocchio, che cosa accadrà? Tranquilli, c’è Totti. Ancora una volta, per fortuna, Totti. In un momento in cui chi corre forte sventola Gomez, Tevez e Higuain, la Roma si guarda attorno e scopre che dopotutto Totti sa fare sempre gol. Dietro troviamo l’ipotesi Gilardino e i malanni di Destro. Giusto vendere Osvaldo (anche se Garcia la pensa diversamente?), ma sembra che la Roma stia demolendo anche il reparto più forte di queste due sciagurate stagioni.

Fonte: Leggo

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom