Rassegna Stampa

Derby di Roma, 1.900 agenti vigileranno sulla sicurezza

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 24-05-2015 - Ore 15:22

|
Derby di Roma, 1.900 agenti vigileranno sulla sicurezza

Il veleno, come spesso capita, rischia di essere soprattutto nella coda. Il derby da 50 milioni di euro si avvicina, e la macchina della sicurezza è già partita (da tempo), per prevenire il rischio di macchiare in maniera indelebile l'ennesima gara di calcio. A poche ore dal fischio d'inizio del Lazio-Roma di campionato più importante dal 2001 a oggi, la questura ha già disposto un impiego massiccio di forze dell'ordine. Saranno circa 1.900 gli agenti di tutti i corpi - polizia, carabinieri, finanza - impiegati lunedì allo stadio Olimpico per il match che dalle 18 paralizzerà la città: attenzione massima alle solite aree, largo De Bosis, viale Boselli, ma anche piazza Dodi, dietro lo stadio dei Marmi, proprio a due passi dalla curva nord laziale.

TIMORI AL FISCHIO FINALE - Al contrario di quello che si potrebbe pensare, in ogni caso, lo spostamento della gara a un giorno feriale, potrebbe rendere più semplice il lavoro. Perché se è vero che la concomitanza tra l'uscita dagli uffici e la stracittadina promette di paralizzare un intero quadrante della città, è altrettanto vero che il fatto che non si giochino altre gare consentirà di spostare reparti da tutta Italia per farli convergere sulla capitale. E i timori riguardano soprattutto i minuti dopo la partita, quando in caso di risultato negativo la polizia teme rappresaglie da parte dei romanisti, i più tesi per l'andamento della loro squadra, contro la polizia o contro i "rivali" biancocelesti, ma anche nei confronti dei calciatori stessi (minacciati sotto la curva in occasione di un recentissimo Roma-Fiorentina).

NIENTE COREOGRAFIA PER PROTESTA - Proprio lo spostamento del match al lunedì ha contribuito a infiammare la curva della Roma: nella circolare arrivata sulle scrivanie delle forze dell'ordine si annuncia infatti che proprio per protestare contro la decisione della Lega di serie A sullo slittamento del match, i sostenitori giallorossi non faranno coreografie (avevano ripreso, dopo anni, proprio nell'ultimo derby) e infatti non hanno inviato fax in questura.

Fonte: REPUBBLICA.IT - PINCI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom