Rassegna Stampa

Destro, gol da ex per il nonno «Segnare l’unica cosa che conta»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 10-05-2015 - Ore 09:01

|
Destro, gol da ex per il nonno «Segnare l’unica cosa che conta»

GAZZETTA DELLO SPORT - GOZZINI - Forse era la via più complicata per uscire dalla Toscana: Destro aveva fin qui segnato solo in casa contro l’Empoli e poi sul campo della Fiorentina. Alla fine ha imboccato una strada che, come le altre, l’ha portato a Roma: ha segnato alla ex squadra e ha esultato in maniera composta ma visibile. Si è inginocchiato e ha alzato le braccia al cielo. Poi ha raccontato: «È un gol importante, una settimana fa è morto mio nonno e ci tenevo a dedicarglielo. Poi non segnavo da un po’ e se un attaccante non segna è dura andare avanti».

DESTRO E LA ROMA Destro è partito da Roma a gennaio scorso, poco tollerato dallo spogliatoio e dall’ambiente. Parabola giallorossa: Mattia era un giovane bomber da crescere e Roma lo ha aspettato dopo l’infortuniocalvario, lo ha visto esultare di nuovo, fino a trovarlo indigesto in inverno, cederlo al Milan per poi rimpiangerlo dopo l’arrivo di Doumbia, e accrescere il sentimento ieri sera, quando il gol di Mattia ha complicato i piani romanisti per il secondo posto. Destro, che era stato il miglior cannoniere giallorosso del 2014 e che ancora oggi, coi 5 centri romanisti dei primi mesi di stagione, resta il terzo cannoniere più prolifico di Garcia.

DESTRO E IL MILAN A gennaio Destro è diventato rossonero, accolto come eroe dell’attacco, con Galliani a cercarlo fin sotto casa e i tifosi a riempire la stazione al suo arrivo. Parabola rossonera: a febbraio Mattia ha segnato il suo primo gol a San Siro, a marzo ha fatto bis in trasferta. Poi, più nulla. Meglio: qualcosa è successo se Destro ha finito per fare la riserva di Menez e poi anche di Pazzini. Da eroe ad alternativa immusonita in panchina, tutto in 5 mesi: sembrava che Pippo lo avesse rinnegato, pensiero rafforzato dall’esclusione di Mattia nella partita più importante. Nella settimana del derby Destro arrivava da un infortunio ma era arruolabile, anche se disarmato tra le riserve. Altri pomeriggi e altre notti da spettatore, prima di tornare titolare a Napoli e meritarsi la conferma contro la ex. E poi segnare e uscire tra gli applausi e le parole di Inzaghi: «Mattia deluso per la sostituzione? Ma no, sapeva che sarebbe uscito, era stanco, non arrabbiato ».

DESTRO E IL FUTURO Milan e Roma sono destinate a incrociarsi di nuovo, con Destro ancora al centro della scena: Mattia è in prestito al Milan, con diritto di riscatto rossonero a 16 milioni di euro. Dopo aver infilato De Sanctis per il raddoppio, le chance di acquisto, prima non troppo elevate, sono aumentate. Destro qui va in dribbling: «Non conosco il mio futuro, dobbiamo aspettare la fine della stagione. Cerco sempre di segnare: è l’unica cosa che conta». Appuntamento al prossimo MilanRoma: magari Destro, con una delle due, giocherà.

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - GOZZINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom