Rassegna Stampa

Diawara, parola ai legali. E spunta un mediatore

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 17-07-2016 - Ore 11:13

|
Diawara, parola ai legali. E spunta un mediatore

CORRIERE DI BOLOGNA - BENEFORTI - n attesa del nuovo incontro di martedì con Walter Sabatini, che a sentire fonti romane sarebbe molto importante e per i capi rossoblù solo interlocutorio, il Bologna si è cautelato nei confronti di Amadou Diawara facendogli spedire una lettera da parte di un avvocato, nella quale sarebbero sottolineati i comportamenti sbagliati del ragazzo guineano, dalla sua decisione di disertare il ritiro al certificato medico che ha fatto arrivare a Casteldebole. Detto questo, all’atto pratico non è cambiato niente rispetto ai giorni passati al di là dei colloqui che ci sono stati nel frattempo tra le due parti, a oggi la sensazione è che la situazione potrebbe sbloccarsi solo nel caso in cui il Bologna e la Roma trovassero un’intesa.

A tale proposito, nonostante la grande amicizia che lega da anni Claudio Fenucci a Sabatini, il Bologna avrebbe dato mandato a un procuratore (sembra Paolo Busardò) per arrivare prima possibile alla quadratura del cerchio di un’operazione che alla fine si farà, perché Sabatini vuole farla fortemente e perché alla fine della fiera il Bologna dovrà farla, anche alla luce di tutto quello che è accaduto nell’ultima settimana. Poi in fondo il fatto che Fenucci e Sabatini stiano parlando di Diawara ormai da più di 2 mesi è la chiave di lettura dell’interesse forte della Roma nei confronti del giovane centrocampista. Senza dimenticare che il Bologna ha risposto no a una proposta da 13 milioni di euro (più bonus) da parte del Valencia e che non si è mai messo a sedere attorno a un tavolo con il Napoli, che sarebbe arrivato a offrire sui 12 milioni.

Fonte: Beneforti

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom