Rassegna Stampa

Diritti tv, canale della Lega se le pay offrono di meno nel 2015-18. Estero: vendita per regioni?

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-09-2013 - Ore 14:00

|
Diritti tv, canale della Lega se le pay offrono di meno nel 2015-18. Estero: vendita per regioni?

La partita dei diritti tv è come una finale di Coppa del Mondo. Bisogna giocarla al massimo, senza esclusione di colpi. E ciò che succederà a partire da venerdì, giorno dell'assemblea di Lega che segue la lettera di sette club dissidenti (Fiorentina, Inter, Juve, Roma, Samp, Sassuolo e Verona), desiderosi di approfondire la materia prima di prendere qualsiasi decisione sul triennio 2015-18. Analisi di mercato, conferenze con i broadcaster, la messa in discussione del rapporto attuale con l'advisor Infront, con operatori «disposti a garantire ricavi attuali a fronte di una fee più vantaggiosa». Ma c'è una data da cui non si scappa: 30 giugno 2016, scadenza del contratto in esclusiva con Infront, al termine della prima stagione del nuovo ciclo. Visto che è insensato fare i bandi per un solo anno, bisognerà decidere se prolungare il mandato di Infront o risolverlo anticipatamente, con tutte le conseguenze economiche del caso. Venerdì Infront parlerà ai club ed illustrerà la sua proposta.

ANTICIPAZIONE - Il minimo garantito da 900 milioni annui dovrebbe essere confermato in caso di estensione del contratto a copertura del nuovo triennio. Ma la domanda che tutti si fanno è: quanto possono valere i diritti della Serie A in futuro? In un mercato nazionale in contrazione con la pubblicità in calo del 30% e gli investitori esteri in fuga, l'orientamento di advisor e Lega è di cercare di mantenere la struttura dei ricavi attuali, a patto ovviamente di muoversi con tempismo e adeguandosi alle nuove dinamiche. Adesso da Sky e Mediaset arrivano 829 milioni a stagione. Si teme che la seconda, avendo già ridotto i suoi budget, potrebbe non farcela a confermare i 268 milioni medi del 2012-15. Sarà cruciale, ad ogni modo, garantire le giuste esclusive ai diversi soggetti. Se una parte di quegli 800 milioni venisse a mancare, la Lega potrebbe rivolgersi direttamente al consumatore varando il canale della Serie A e puntando su quei 4 milioni di persone che utilizzano la pay tv per vedere il calcio (5 milioni considerando lo sport in generale), cioè la massa critica degli abbonati di Sky e Mediaset (quasi 7 milioni). E un terzo incomodo? Al Jazeera avrebbe potuto già approdare in Italia anticipando l'operazione di Fox sul calcio estero. Però non l'ha fatto. Discovery ha appena preso il Sei Nazioni di rugby (su DMax in chiaro), ma nell'ambito di un'operazione internazionale.

ESTERO - Quanto ai diritti esteri, che ora portano 117 milioni annui nelle casse delle società, tutti sono convinti che si può fare di più. Senza pretendere rivoluzioni (una Lega che ripensi governance e strategie, con i club a fare un passo indietro), un'opzione è quella di spacchettare i diritti per macro-regioni, come la Premier, che si rivolge anch'essa a intermediari (tra cui MP & Silva) per vendere le partite fuori confine. A quel punto il miliardo tondo tondo che la Serie A incassa ora può essere messo in salvo per almeno 3 anni

Fonte: Gasport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom