Rassegna Stampa

Diritti tv e Serie A a 18: le piccole fanno fronte comune

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 07-11-2015 - Ore 09:00

|
Diritti tv e Serie A a 18: le piccole fanno fronte comune

GAZZETTA DELLO SPORT – IARIA - Chissà se rivedremo mai una Serie A a 18 squadre, di certo questo è un autunno caldo, per il calcio italiano e per la Lega in particolare. Perché il tema della riforma del campionato (anzi, dei campionati) s’intreccia inevitabilmente con quello della ripartizione dei proventi tv del nuovo triennio, in un’atmosfera non proprio quieta, tra beghe federali, inchieste dei pm e istruttoria dell’Antitrust. Ieri in via Rosellini è andata in scena la prima riunione della commissione sulla riforma: mancavano alcuni dirigenti “politici”, mancava soprattutto la lucidità per affrontare l’argomento. I club non hanno le idee chiare sulle ricadute per tutto il sistema, tant’è che è stata accolta con favore la proposta del d.g. della Roma Baldissoni di aggiornarsi con le simulazioni alla mano. Molte società, comunque, sono terrorizzate dalla prospettiva che il massimo campionato perda due posti: sono quelle che temono ogni anno di retrocedere e che vedono la B come una iattura. È anche per questo che, prima dell’appuntamento in Lega, le medio-piccole si sono incontrate in separata sede per studiare un’istanza comune. La loro preoccupazione maggiore è quella di avere una stabilità aziendale nel medio-lungo periodo. Ecco perché ritengono cruciale l’adozione del modello inglese per il paracadute alle retrocesse: 3-4 anni e il doppio, se non il triplo rispetto all’attuale montepremi complessivo di 30 milioni. Spiega un dirigente: «A queste condizioni tutti i club a rischio vanno in extra-budget per la paura di retrocedere, con un paracadute maggiore si potrebbe ridurre la spinta inflattiva dei costi perché le società non vivrebbero più la retrocessione come il preludio al fallimento». 

GEOMETRIE VARIABILI I soldi, si sa, sono al centro di tutto. E sono pure al centro delle alleanze in Lega. Nella battaglia del grano l’attuale asse Galliani-Lotito-Preziosi-Pozzo eccetera con Juve e Roma all’opposizione va smontato a rimontato: da un lato le big Juve, Milan, Inter, Roma, Napoli, Lazio, Fiorentina, dall’altro Atalanta, Bologna, Carpi, Chievo, Empoli, Frosinone, Genoa, Palermo, Sampdoria, Sassuolo, Torino, Udinese, Verona. Fa 7 a 13. Numeri sufficienti alle grandi per sbarrare la maggioranza, visto che il quorum per le delibere economiche è di 15 voti. Ecco perché le medio-piccole ammiccano a Napoli e Fiorentina, cioè quelle grandi che sono meno favorite dall’attuale peso dei risultati storici nella suddivisione della torta televisiva. Partita dura, con un’arma per le big: più passa il tempo più c’è necessità di avere certezze sui proventi tv in modo da poter fatturare le quote successive a quella uguale per tutti (il 40% del totale), già incassata. Le piccole, notoriamente in crisi di liquidità, temono di essere prese per il collo... 

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT – IARIA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom