Rassegna Stampa

Domani Cda a Trigoria, Zanzi entra ufficialmente

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 27-02-2013 - Ore 13:50

|
Domani Cda a Trigoria, Zanzi entra ufficialmente

(Il Messaggero) L’attacco inaspettato e improvviso di Gigi Moncalvo inquieta e stranisce la società giallorossa. Comprensibile l’irritazione a Trigoria, meno la mancata replica. Ma la posizione della Roma, sull’attacco del portavoce dello sceicco, ha una motivazione che va rispettata, soprattutto in una fase così delicata della trattativa. Deve essere Al Qaddumi a prendere le distanze dall’ex direttore de La Padania. Perchè nessuno tra i dirigenti italiani al servizio di Pallotta nella capitale riconosce Moncalvo come rappresentante del potenziale partner del manager di Boston. Rispondergli sarebbe dunque investirlo di un ruolo che per loro il giornalista chiacchierino non ha. Per loro, però. Perchè lo sceicco lo considera un amico, incaricato di comunicare in pubblico per suo conto.

 IL PARERE DEL PRESIDENTE«Io non ho mai incontrato Baldini» ha spiegato Moncalvo. E questo, per certi versi, dà in parte ragione all’atteggiamento del club giallorosso che ha scelto, almeno per il momento, il silenzio, dopo aver riflettuto per gran parte del pomeriggio sull’eventualità di affidarsi ad un comunicato. Il dg è l’uomo del management che, quasi un anno fa, ha favorito il contatto, attraverso l’intermediario Michele Padovano, tra Pallotta e Al Qaddumi. Se il portavoce dice che non ha mai visto Baldini, per la Roma lo stesso Moncalvo è come se non esistesse. Comunque, a fine giornata, da Trigoria è stata inviata a Boston la documentazione dell’intervista del rappresentante dello sceicco a Radio Manà Manà sport: file audio e testo integrale. Sarà il presidente giallorosso, ascoltando e leggendo le parole del portavoce di Al Qaddumi, a decidere se, come e quando rispondere.

 LA BANCA VUOLE SAPERE 
Domani è in programma il cda della Roma per discutere sulla situazione finanziaria del club giallorosso. Il ceo Italo Zanzi sarà finalmente consigliere al posto di Mark Pannes. Ma all’ordine del giorno, oltre alla nomina del nuovo uomo del consorzio Usa e all’approvazione della semestrale, da non sottovalutare le varie ed eventuali. Perché gli uomini di UniCredit dovrebbero chiedere ulteriori chiarimenti sul potenziale partner di Pallotta. La Banca, a quanto pare, ne vuole sapere di più. Molto di più.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom