Rassegna Stampa

Dopo i tagli del Coni al calcio i club pagano le spese degli arbitri

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 08-11-2014 - Ore 10:30

|
Dopo i tagli del Coni al calcio i club pagano le spese degli arbitri

E Maurizio Beretta ha anche acceso gli animi quando ha ventilato l’ipotesi di tagliare sugli arbitri che costano alla Figc circa 40 milioni all’anno. Ha subito spiegato Giorgio Scarso, n.1 della scherma (e vicario di Malagò): «Da noi gli atleti pagano di tasca loro 89 euro ogni gara per gli arbitri…». In Figc stanno correndo ai ripari. Non si può certo tornare ai tempi di quando la Lega di A-B si pagava i direttori di gara. Tempi di Calciopoli, non certo da rimpiangere. Ma è possibile che in futuro i club di dilettanti che giocano in casa si debbano accollare le spese arbitrali, ora gratuite. Non è molto a partita, 32 euro di rimborso in II, III categoria e campionati giovanili ma siccome le gare in un anno sono 700.000, ecco che la cifra totale non è da poco. Che ne pensa la Lega Dilettanti, lo si scoprirà più avanti (lunedì sarà eletto il nuovo presidente, Felice Belloli, unico candidato per il dopo Tavecchio) ma da qualche parte bisogna cominciare. Uva, da solo, può risparmiare circa 5-10 milioni, e chiede tempo al Coni per poterlo fare. Ma poi la decisione della Figc sarà politica: e il consiglio federale la prenderà nella riunione del 20 novembre. Tutti dovranno fare sacrifici, questo deve essere chiaro.

Fonte: Repubblica

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom