Rassegna Stampa

Dotto risponde a Liguori sul caso Totti: "Sono blasfemo e mi auto-querelo"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 16-10-2016 - Ore 09:42

|
Dotto risponde a Liguori sul caso Totti:

IL TEMPO - DOTTO - Giancarlo Dotto dopo la polemica per le sue dichiarazioni su Francesco Totti nell'intervista rilasciata a Il Tempo la settimana scorsa, torna a scrivere. Stavolta Dotto risponde a Paolo Liguori, che ieri si è espresso sulla questione nella rubrica "Curva Sud", ospitata sulle colonne de "Il Messaggero" (Totti "non deve querelare nessuno, se posso permettermi un suggerimento. Primo perché non esiste diffamazione per una leggenda e secondo perché deve sapere che ormai è talmente grande per tutti che può trovare uno che lo insulta soltanto per farsi notare un po'.Capitano, dai retta a chi ti vuole bene: i nanetti da giardino non fanno paura, fanno sorridere",aveva scritto Liguori)

«Con una prosa mediocre, già per questo imperdonabile - la risposta di Dotto - , Paolo Liguori sente bisogno di salire anche lui sul confortevole e già affollatissimo carro dei crociati tottiani, non mancando peraltro di cavalcare a costo zero la variante ludica: tirare lo sciacquone «sul nano da giardino», ovvero il Blasfemo, dopo averci allegramente pisciato sopra. Una volta sbottonata la patta, si sa, non si torna più indietro, il resto scorre inevitabile. Tipo attribuire al Blasfemo la smania di visibilità (lo rassicuro, conoscendolo bene il Blasfemo, gli è più congeniale sparire), tema sul quale il brillante giornalista è peraltro espertissimo. Lo zelo spinge suddetto suddito, non richiesto, a consigliare la Leggenda su come debba comportarsi a proposito di querele da fare o non fare. A proposito di questo. Sto seriamente pensando di consultare I’avvocato per capire se esistano piuttosto le condizioni dell'auto-querela, per via del demente stoicismo che mi spinge a 'recidivare' nel tentativo di chiarire qualcosa che e forse troppo chiaro. Mi chiarisca piuttosto il Liguori di turno, o il Liguori di massa, dove e come il Blasfemo avrebbe offeso Totti nell'intervista a «Il Tempo». Per la millesima e ultima, questa volta davvero, volta, visto che si muore anche di noia, il Blasfemo racconta che il nome di Totti è solo il migliore pretesto per riflettere con tutta la passione del caso su che cosa significhi essere «tifosi». Ciò che accade a Roma e un'anomalia totale, una città in cui l'idolatria per un giocatore ha oscurato l'amore per la squadra. L'unica e sola cosa che mi sento di contestare a Francesco Totti, giocatore peraltro colpevole di avermi procurato infiniti e magnifici orgasmi, è di non aver fatto nulla, potendolo e dovendolo fare, per cancellare questa anomalia. Il che non lo fa ai miei occhi un eroe mitologico, ma solo un grandissimo giocatore».

Fonte: IL TEMPO-DOTTO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom