Rassegna Stampa

Dzeko, la doppietta della rinascita Strootman, il ritorno dopo l’incubo

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 22-02-2016 - Ore 07:32

|
Dzeko, la doppietta della rinascita Strootman, il ritorno dopo l’incubo

CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI - Minuto ventotto di Roma-Palermo: Maicon entra in area sulla destra e mette in mezzo un pallone che Edin Dzeko, ad un paio di metri dalla linea di porta, deve solo spingere in rete. La conclusione col sinistro, però, è di quelle da dimenticare. Non aveva nemmeno cominciato a disperarsi, il centravanti bosniaco, che già dagli spalti erano partiti una bordata di fischi e di cori in favore di Francesco Totti, presente in tribuna, diventato immediatamente termine di paragone. Un duro colpo per chiunque, ma non per Dzeko, che ci ha messo solo 120 secondi per trasformare i fischi in applausi. 
Il passaggio di Pjanic non è niente di eccezionale, il suo stop con il petto sì: nel piede sinistro ci mette tutta la rabbia che ha in corpo e segna il suo secondo gol consecutivo in campionato. La delusione però è ancora troppa e l’esultanza non è nemmeno accennata: ci pensano i compagni a coprirlo di abbracci, anche per evitare qualsiasi possibile polemica. Il bosniaco ha coronato la sua migliore prestazione stagionale con l’assist per il primo gol di Salah (prima c’era stato quello di Keita), autore della doppietta che lo ha fatto diventare, con 9 reti, il capocannoniere della squadra, e con il gol, di testa, che nel finale ha fissato il risultato sul definitivo 5-0. 
È stata una giornata indimenticabile anche per Kevin Strootman. Il centrocampista olandese, 392 giorni e due operazioni al ginocchio dopo la sua ultima presenza in A, è tornato in campo nel quarto d’ora finale, accolto dal boato del pubblico dell’Olimpico e accompagnato dagli olè ad ogni suo tocco di palla.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom