Rassegna Stampa

Dzeko più Florenzi Roma in super8

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 14-03-2016 - Ore 07:07

|
Dzeko più Florenzi Roma in super8

CORRIERE DELLA SERA - VALDISERRI - «Dobbiamo continuare a vincere per restare tranquilli e per mettere un po’ di pressione al Napoli». La sintesi di Luciano Spalletti sembra uno schema della sua Roma: dritta al sodo, senza troppi fraseggi. Il successo contro la disastrata Udinese è l’8° consecutivo: blinda il 3 posto, con Inter e Fiorentina a 5 punti di distacco, e lascia aperto il sogno della qualificazione diretta alla Champions, Sarri permettendo. 
La vittoria di Udine è sembrata la più facile della «striscia». Merito dei giallorossi o demerito dei friulani? La verità sta nel mezzo. Spalletti ha dato alla Roma un copione e la squadra lo segue con diligenza. Lo ha fatto anche ieri, con Keita unico regista per 70’, fino all’ingresso di Pjanic tenuto prudenzialmente in panchina per la distorsione alla caviglia sinistra. Quando il bosniaco è entrato, la qualità del gioco è immediatamente salita. Il 10° assist in campionato ha innescato Florenzi per il 2-0. Un gol bellissimo, con controllo a seguire per non perdere velocità e tocco in diagonale nell’angolino più lontano. Sesta rete del «tuttocampista» giallorosso, più il gol da centrocampo segnato in Champions contro il Barcellona. 
Alla Roma manca ancora il killer instinct, visto che nel primo tempo, dopo il veloce gol di Dzeko al 14’ (assist di Salah), i giallorossi hanno cincischiato troppo in zona gol. Spalletti ha usato un bel toscanismo: «Bisogna essere più scorbutici». Giusta la scelta di ridare fiducia a Dzeko, che ha segnato il suo 7° gol in campionato, più 2 in Champions League. Non sarà un bottino araldico, ma di sicuro non sono i numeri di un fallimento. 
L’Udinese ha vissuto alla grande solo un minuto: al 2’ della ripresa un tiro di Thereau deviato da Florenzi ha chiamato Szczesny a una parata difficile e, sul successivo corner, Zapata ha colpito il palo di testa. Troppo poco, anche se con Zapata in campo (da 4-5-1 a 4-4-2) la squadra è migliorata. Il gol di Bruno Fernandes all’84’ non ha evitato la gogna finale di tutta la squadra sotto la curva degli ultrà.

Fonte: CORRIERE DELLA SERA - VALDISERRI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom