Rassegna Stampa

Dzeko ruggisce ancora Roma, ottava sinfonia. Cola appeso a un filo

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 14-03-2016 - Ore 06:51

|
Dzeko ruggisce ancora Roma, ottava sinfonia. Cola appeso a un filo

GAZZETTA DELLO SPORT - ELEFANTE - Forse la vittoria di ieri ha dato un senso ancora più compiuto allo sfogo di Spalletti dopo la sconfitta di Madrid: di questa Roma si fa davvero fatica a decifrare i limiti – teoricamente pochissimi – ma a volte anche a comprendere i cali di tensione che generano errori da distrazione, come quello che a 7’ dalla fine ha dato all’Udinese l’illusione di un pareggio mai nato. Come una tendenza intermittente a piacersi troppo, invece di pensare a vincere e stop: quando lo fa – come ieri per più di un’ora, ma con 20’ di interruzione – basta e avanza per trasmettere la sensazione di cannibalismo. Ed è ovviamente bastato per mettere ancora di più nei guai l’Udinese e Colantuono, confortati solo, con il Sassuolo e il Napoli all’orizzonte, dalla sconfitta del Frosinone: quella di ieri è la settima sconfitta nelle ultime undici partite, con una sola vittoria. La Roma invece ha messo in fila l’ottavo pieno consecutivo, quarto in trasferta, con tre gol di media a gara: con il pensiero dello scontro diretto in casa, impossibile fare di più per cercare di mettere pressione al Napoli in proiezione secondo posto. 

MISMATCH Ieri più che un match, soprattutto nel primo tempo, è stato un mismatch: l’Udinese ha dato un’impressione di inferiorità tale da rendere difficile capire se dipendesse da un atteggiamento tattico troppo rinunciatario, o da un gap di qualità insostenibile. Di sicuro una squadra così bassa, con cinque centrocampisti sempre schiacciati sui difensori, è stato il modo migliore per aiutare Dzeko ad avvicinarsi alla porta: proprio quello che serviva al bosniaco, che ha avuto quasi subito il premio per tante generosità pregresse quando su un assist (di destro...) di Salah l’Udinese si è come aperta, spaccata, e lui ha potuto guardare in faccia Karnezis per freddarlo. È successo al minuto 15, 11° gol giallorosso nel primo quarto d’ora (record del campionato) contro gli zero dell’Udinese, per dire della differenza di approccio. È successo esattamente quando gli ultrà bianconeri sono entrati allo stadio interrompendo la loro protesta: come se la Roma avesse voluto aspettare per mostrare a tutti come sa diventare una lavatrice in grado di centrifugare qualità a velocità massima. 

PEROTTI UOMO CHIAVE Prima e dopo il gol del vantaggio ha preso a schiaffi l’Udinese con tutto il suo repertorio, un traffico nella metà campo avversaria dove quasi nessuno mantiene sempre la stessa posizione, un tourbillon di tagli usato per esaltare le sue improvvise esplosioni di verticalità: i movimenti a fisarmonica di Salah e El Shaarawy, dalla fascia a stringere in mezzo non solo sulla salita dei terzini; il fosforo e le gambe dell’uomo chiave Perotti, che si esalta nella libertà dei movimenti da finto centravanti, ma se davanti ha un centravanti vero sa dove andarsi a mettere per aiutare lui, ma anche gli altri, a cercare la soluzione migliore; la disponibilità di tutti, anche e soprattutto i quattro davanti, a rientrare per aiutare [...]

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom