Rassegna Stampa

E alla fine piange la Francia, Portogallo campione d’Europa: perde Ronaldo in avvio ma resiste e trionfa ai supplementari con Eder

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-07-2016 - Ore 06:51

|
E alla fine piange la Francia, Portogallo campione d’Europa: perde Ronaldo in avvio ma resiste e trionfa ai supplementari con Eder

IL TEMPO - CICCOGNANI - Senza Ronaldo costretto ad uscire dopo 25' per infortunio, si accende la stella di Eder, l'attaccante del Lille che nel secondo supplementare gela Saint Denis e regala al Portogallo il trono d'Europa per la prima volta nella storia, prendendosi la rivincita della finale persa in casa nel 2004. Il bello del calcio, Davide che batte Golia, i presuntuosi francesi che credevano di averla vinta ancora prima di cominciare. Il Portogallo invece ha dimostrato di saper soffrire, di essere squadra, ha stretto i denti, non ha mai mollato fino alla botta vincente di Eder. Un sogno che si avvera, contro tutto e tutti, contro la sfortuna per aver perso il suo uomo di punta. Ma ci ha sempre creduto. E ha vinto. Sugli spalti un confronto impari. Saint Denis è tinto di blu, solo uno spicchio destinato ai pochi portoghesi. Le formazioni sono quelle annunciate, ma ben presto la stella più lucente si spegne. Le lacrime di Cristiano, toccato duro dopo otto minuti da Payet ed Evra sotto gli occhi di uno stralunato Clattenburg, fanno il giro del mondo. Botta al ginocchio, Ronaldo si alza, stringe i denti, si ferma di nuovo e ancora lacrime. Quattro minuti fuori campo, ci riprova ma non va. Si accascia definitivamente e viene portato fuori in barella tra là standing ovation di Saint Denis. Maledizione che continua per CR7. Entra Quaresma con Fernando Santos che si schiera con il 4-1-4-1. La Francia dà l'impressione, e non solo quella, di pensare di aver vinto prima di giocare. Pogba non si vede, quasi si nasconde, Griezmann (bella conclusione ravvicinata al 9') e Giroud fanno fatica a trovare varchi, Payet spinge ma non graffia. Il Portogallo difende con ordine, aggressività, togliendo respiro alla manovra francese. In mezzo Adrien Silva corre per tre, Renato Sanchez e Joao Mario ci sono, la Francia non passa. Gli uomini di Deschamps fanno la partita ma a referto portano solo un paio di conclusioni dettate da iniziative personali, tutte di uno scatenato Sissoko che trova sempre pronto alla risposta un attento Rui Patricio. Portogallo di rimessa e senza la sua stella eppure pericoloso con un paio di discese. Tutto qui il primo tempo. Emozioni zero, ma quanto pesa l'assenza di Cristiano. Il copione non cambia nella ripresa. L'emozione la regala un tifoso che entra pacificamente in campo, subito braccato dalla security. Entra pure Coman per un evanescente Payet e Deschamps si mette 4-4-2. Dentro Moutinho nel Portogallo per Adrien Silva che ha speso molto. Venti alla fine e adesso la Francia spinge ventre a terra ma il Portogallo non concede spazi ed è vivo. Santos richiama Sanchez e inserisce Eder, un attaccante, Pericoloso Nani, tiro cross insidioso che Lloris smanaccia alla meno peggio, ci prova anche Quaresma, ma Lloris chiude ancora. Gignac, subentrato a Giroud, fa tutto bene, mette a sedere Pepe, ma la sua conclusione si stampa sul palo. Si va ai supplementari. Ronaldo abbraccia Quaresma con gli occhi ancora umidi quasi a dire, vincete anche per me. Guerriero su punizione scavalca la barriera, Lloris è battuto, lo salva la traversa. Ma il Dio del pallone c'è, capisce che è il momento di soffiare dalla parte di Davide. Minuto 109, fucilata dai 25 metri di Eder, Lloris neanche la vede e il Portogallo fa festa sotto la sua piccola ma rumorosa curva. La Francia rischia, il Portogallo è gasato, il traguardo è a un passo. Finisce qui, trionfa il Portogallo, sventola il verde speranza è il rosso coraggio degli uomini di Santos. Fa festa una Nazione, s'ìnchina la presuntuosa Francia che troppo presto ha pensato di aver vinto. Saint Denis zittita, galletti a testa bassa. È il bello del calcio. Piange Ronaldo, stavolta di gioia. Il trono p d'Europa è suo.

Fonte: Il Tempo - Ciccognani

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom