Rassegna Stampa

Empoli aspetta Totti & co. e si fa il lifting. Tutto merito di Lady Corsi

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 12-09-2014 - Ore 08:50

|
Empoli aspetta Totti & co. e si fa il lifting. Tutto merito di Lady Corsi

«La differenza non la fa certo il sesso di una persona, semmai le sue idee. Nella vita come nel calcio». Rebecca Corsi allarga il sorriso mentre attraversa il campo. Si ferma e guarda in alto, là dove si stanno ultimando i lavori che hanno cambiato la faccia allo stadio Castellani. Rebecca è la figlia del presidente dell’Empoli, Fabrizio, ed è stata consigliere di amministrazione della società. Ora è responsabile marketing, con Gianmarco Lupi. Non cercate altri colpevoli per il cambio epocale nell’immagine dell’Empoli, dal logo agli spogliatoi. Lei è rea confessa. «Ho giocato per 13 anni a basket. So cosa significa lo spogliatoio in uno sport di squadra. È una seconda casa, una sorta di rifugio. Uno ci si deve sentire a suo agio».

Ci penso io Rebecca Corsi ha 25 anni, ha studiato al Polimoda, là dove fioriscono i talenti nel campo della moda. Ha lavorato in quel settore con successo, poi papà Fabrizio l’ha chiamata al suo fianco in azienda. «Ma non potevo resistere a lungo vicino a lui, così ho cercato un mio spazio nell’Empoli». La prima mossa è stata ridisegnare il logo del club, modernizzandolo. La seconda è partita dallo spogliatoio, pensando che quest’anno dovrà ospitare tanti big, dal Totti di domani a Tevez, da Torres a Higuain. Lo spogliatoio del Castellani era nato con lo stadio quasi 50 anni fa, e non era mai stato ristrutturato. «Quando ci sono entrata — racconta — è stato uno shock. Non potevo lasciare lì i nostri giocatori. E poi ho pensato agli ospiti, a chi sarebbe venuto a giocare qui in A».

Musica ragazzi Convincere tutti a lasciare spazio alle idee di una donna nello spogliatoio di una squadra di calcio non deve essere stato semplice. Il primo atto è stato quasi simbolico: «Ho acquistato un amplificatore Big Jambox e l’ho piazzato lì». Lo spogliatoio ora è un gioiello, ma il nuovo Empoli style è arrivato in ogni angolo. Il muro della palestra è stato abbellito dalle gigantografie dei protagonisti della promozione. «Cambia l’immagine, ma questo — sottolinea Rebecca — è anche uno stimolo per i calciatori». C’è chi ha dato una mano: «Abbiamo trovato uno sponsor che ha reso possibili queste opere. Stiamo preparando i field box, 10 postazioni a bordo campo, per sponsor o spettatori speciali. Ora tutti sorridono, ma quando giravano tra le macerie qualche sguardo cattivo è arrivato». Sul gomito di Rebecca fa capolino un tatuaggio: 30052014. La data della promozione. L’inizio, per L’Empoli. di una nuova era, evidenziata con un tocco di rosa.

Fonte: gasport §(A. Da Ronch)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom