Rassegna Stampa

Entra Totti, la Roma va Garcia: «Strootman ok»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 27-07-2013 - Ore 08:45

|
Entra Totti, la Roma va Garcia: «Strootman ok»

Mettiamola così: l’estate scorsa la Roma maramaldeggiò contro l’Aris vincendo 3-0 per poi incagliarsi in una malinconica stagione.Vuoi vedere che stavolta, vincendo (con merito) «solo» per 1-2 grazie alle reti nella ripresa di Burdisso e Bradley, può arrivare quell’inversione di tendenza attesa dai tifosi? Insomma, nel giorno in cui si celebra l’esordio di Strootman, è giusto vedere il bicchiere mezzo pieno, visto che gente del calibro di Totti e Osvaldo (con la valigia) partono dalla panchina, mentre presumibili titolari come De Sanctis, Maicon , De Rossi e Florenzi (per non parlare dello sfortunato Destro) sono rimasti in Italia a cercare la condizione.

 

 

ROTAZIONI E allora i ragazzi di Garcia — opposti a una squadra che nel 2013 è giunta quart’ultima a 44 punti dalla vetta — mostra i limiti del rodaggio, ma anche l’idea tattica del nuovo allenatore: il cambio continuo delle posizioni. Così si vede Lamela partire a sinistra, spostarsi a destra e piazzarsi anche nel ruolo di centravanti, con altrettante modifiche di Borriello e Caprari, e così nella ripresa con Totti, Osvaldo e Tallo. Appare chiaro poi che, fin quando resta in campo, la poltrona di regista sia saldamente per Pjanic, anche se è Strootman a partire fulcro centrale della mediana. Per intenderci, come movimenti in campo l’olandese assomiglia più a De Rossi che a Pizarro, ultimo vero «cervello» giallorosso. In ogni caso, per tutto il match è la Roma a tenere in mano il pallino, anche perché il vantaggio trovato in fretta dai greci (17’) agevola la loro tattica basata sulle ripartenze. Da un fallo di Benatia al limite dell’area su Manias, infatti, nasce la punizione calciata da Udozi su cui il giovane Skorupski rinnova le recenti ansie di Goicoechea, Stekelenburg e Lobont, facendosi trovare fuori posizione. Da quel momento la Roma spinge, impegnando Dioudis due volte con Strootman (29’) e Borriello (39’).

 

 

GARCIA SODDISFATTO  Inutile dire che l’ingresso di Totti nella ripresa aiuta a rendere fluido il gioco offensivo, e così la pressione diventa assedio, soprattutto quando la girandola dei cambi evidenzia l’enorme gap tecnico fra le due squadre. Il pari però arriva in seguito a uno dei numerosissimi angoli giallorossi: Taddei serve Burdisso che segna di testa, dieci minuti prima che Balzaretti lanci Bradley nella percussione del raddoppio. Se l’Aris nella ripresa si segnala solo per un tiro di Damarlis che costringe Skorupski a una buona deviazione sul palo, i titoli di coda li lasciamo a Garcia. «Abbiamo dimostrato forza mentale vincendo in rimonta fuori casa. Strootman? Ha la qualità e la visione di gioco che mi aspettavo». In fondo, forse è questa la più bella notizia della giornata.

Fonte: Gazzetta dello Sport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom