Rassegna Stampa

Esordio vincente negli Usa. Il Liverpool finisce ko al 90’

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 25-07-2014 - Ore 08:25

|
Esordio vincente negli Usa. Il Liverpool finisce ko al 90’

La Roma comincia con una vittoria la tournèe americana. Al Fenway Park di Boston la squadra di Rudi Garcia ha battuto il Liverpool (1-0) grazie a un gol allo scadere sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Il tocco decisivo è stato attribuito a Marco Borriello, che però a fine incontro ha ammesso di non essere certo della paternità della rete: «C’è stato un contrasto con Agger, non so se ho toccata o meno il pallone. L’importante è che la Roma abbia vinto. È un’amichevole, ma si sente già aria di Champions League». Soddisfatto, a fine gara, Rudi Garcia. «Nelle due squadre hanno giocato tanti giovani, è sempre un buon momento per vederli. Mi è piaciuto molto l’atteggiamento difensivo, quando non abbiamo le gambe dobbiamo usare la testa e anche i giovani lo hanno fatto. Abbiamo sofferto all’inizio della partita sotto il pressing del Liverpool ma era anche normale, ci siamo allenati la mattina e sapevamo che sarebbe stato difficile per i giocatori trovare il ritmo giusto. Nel secondo tempo è migliorata la squadra, abbiamo cambiato modulo gioco (dal 4-3-3 al 4-2-3-1, ndc) e siamo stati più equilibrati», ha spiegato Garcia che ha cambiato 9 giocatori tutti insieme. «Sono fuori Strootman e per questa partita anche De Rossi e Pjanic. Mi è piaciuto il centrocampo, perché quando gioca uno come Keita abbiamo un grande possesso palla e nel secondo tempo mi sono piaciuti Paredes e Uçan».

MEHDI E ITURBE PER 45’
E Benatia? «Era previsto per lui e Iturbe solo un tempo. Iturbe? Non dobbiamo aspettarci troppo da lui ora, dobbiamo lavorare tatticamente è uno che ha caratteristiche di grande livello e penso che il suo gioco può diventare con più possibilità. A lui piace andare in profondità e andare in contropiede e noi dobbiamo saper fare tutto. Iturbe lo abbiamo preso presto e abbiamo tempo per lavorare con lui».

UÇAN CRESCE
Nelle file della Roma è piaciuto Keita, ma anche Uçan ha confermato di avere i numeri per poter diventare un giocatore importante. La partita non è stata spettacolare, perché le due squadre hanno pensato soprattutto a verificare la tenuta dell’assetto tattico. Non ci sono state molte occasioni da entrambe le parti e i portieri sono quasi rimasti senza lavoro. L’ex Borini è uscito dal campo dopo una manciata di minuti per un infortunio alla spalla.

Fonte: IL MESSAGGERO (C. DAMATO)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom