Rassegna Stampa

C'è l'Europa League, Totti si rimette la fascia di capitano

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 18-10-2016 - Ore 07:08

|
C'è l'Europa League, Totti si rimette la fascia di capitano

IL MESSAGGERO - CARINA - Maradona lo vorrebbe in campo sino a 50 anni. Purtroppo bisognerà accontentarsi di molto meno. E giovedì sarà una di quelle occasioni dove chi sarà allo stadio potrà gustarsi Francesco Totti dal primo minuto. L'Europa League chiama, il capitano risponde presente e dice 100. Sì, perché contro l'Austria Vienna Francesco taglierà il prestigioso traguardo delle 100 presenze nelle competizioni Uefa per club. L'ultima volta, seppur contro i modestissimi romeni dell'Astra Giurgiu, il suo fu un autentico show con un'interminabile sequenza di prodezze, tocchi di prima e assist a riscaldare la tiepida serata dell'Olimpico. Alla fine gli mancò solo il gol. Se giovedì fa centro, sarebbe il gol numero 100 con Spalletti in panchina. Anche stavolta lo scenario non sarà di quelli indimenticabili (venduti sinora 5mila tagliandi, ai quali vanno sommati 7mila abbonati) ma c'è da scommettere che le emozioni non mancheranno. Anche perché la Roma ha la possibilità di chiudere i conti (o quasi) nel girone. Superando l'Austria Vienna, i giallorossi assumerebbero la leadership solitaria del girone, condivisa attualmente proprio con gli uomini allenati da Fink (che non perdono in Europa da 5 partite, ovvero dallo 0-1 contro il Trnava del 28 luglio). Nella sua carriera, Totti non ha mai incrociato squadre austriache anche perché queste hanno un unico precedente con la Roma. Stagione 92-93 (quella del debutto in A di Francesco ma a marzo): nel primo turno la squadra di Boskov superò agevolmente 4-1 (doppietta di Giannini, Muzzi e Caniggia) e 1-0 (Haessler) il Wacker Innsbruck. 
KO MUSCOLARIPer giovedì è probabile il solito turnover (Totti guiderà l'attacco insieme con Iturbe ed El Shaarawy, dentro anche Alisson e possibile chance dall'inizio pure per Emerson, che potrebbe ritrovare il posto di terzino sinistro) che però vedrà una rotazione più limitata degli uomini visti gli infortuni di Peres e Perotti. Ieri i due calciatori si sono sottoposti agli esami strumentali di rito che hanno evidenziato una lesione di primo grado all'adduttore della gamba destra per il brasiliano, mentre l'argentino ha riportato una lesione di primo grado del bicipite femorale destro. Le diagnosi prevedono per entrambi 15 giorni di stop ma se il terzino spera di tornare già contro l'Empoli (domenica, 30 ottobre) per l'ex Genoa potrebbe volerci qualche giorno in più. Sembrano recuperabili a breve, invece, Strootman, Juan Jesus e Nainggolan.

Fonte: IL MESSAGGERO-CARINA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom