Rassegna Stampa

Falcao: "Totti e Spalletti devono dialogare. A Francesco dico di venire a giocare da me, in Brasile"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 04-03-2016 - Ore 17:34

|
Falcao:

DAGOSPIA - DOTTO - L'ex giocatore della Roma e oggi allenatore dello Sport di Recife, Paulo Roberto Falcao, ha rilasciato una lunga intervista al portale nella quale parla dei suoi trascorsi nella Capitale e del caso-Totti, tra le altre cose. Questo uno stralcio delle sue parole:

Cosa vuoi dimostrare oggi da allenatore?
"Voglio dimostrare al mondo ma soprattutto confermare a me stesso che posso vincere da allenatore anche dominando le variabili".

Che allenatore è oggi Falcao?
"Sono stato sedici anni in analisi. Questo ha fatto di me un uomo migliore e quindi un allenatore migliore. Oggi sono più sintonico, so capire meglio i problemi degli altri e prevenirli".

Essere stato Falcao aiuta da allenatore o può diventare un modello schiacciante per i giocatori?
"Il segreto è dimenticare di essere stato Falcao. Non sarei d’aiuto se partissi da me. Devo insegnare le cose che possono essere apprese. Allora sì, può tornare utile il Falcao calciatore".

Allenare in Europa, un traguardo?
"Non ci penso al momento. Vincere un campionato con lo Sport di Recife sarebbe come vincerne cinque con una grande club paulista o gaucho. Esattamente come fu con la Roma all'epoca".

La tua Roma ha preso due talenti brasiliani. Gerson e Allison.
"Gerson lo conosco poco. Me ne parlano molto bene. Allison è un grande , molto bravo e forte fisicamente. Due ottimi acquisti".

Falcao allenatore alla Roma poteva sembrare a un certo punto, negli anni ’90, una storia perfetta, la chiusura del cerchio.
"Dino Viola mi chiamò nel 1991. Mi propose un biennale come allenatore della Roma. Dovevo andare a Cortina per firmare. Non c’incontrammo mai. Morì pochi giorni prima".

Cosa resta di Roma e della Roma in Falcao?
"La Roma di oggi è completamente nuova. Per me la Roma sono i tifosi, la gente, la musica di Venditti, entrare in campo e sentire quell’atmosfera, girare per la città e sentirsi amato".

Le cose cambiano. I tifosi della Sud non vanno allo stadio per protesta.
"So poco di questa storia. Mi dispiace. Posso solo auspicare che trovino accordo e armonia in nome della Roma".

L’altro imperatore della Lupa, Francesco Totti. E’ in crisi con la sua Roma e dunque con la sua storia.
"Ho incontrato una volta sola Totti, nello spogliatoio dell’Olimpico, in una partita rievocativa. Ci siamo guardati e d’istinto ci siamo abbracciati. Lui mi ha detto, molto genuino: “Paolo, è la prima volta".

Il tuo Francesco Totti.
"Uno dei più grandi del calcio italiano. Unico nel suo genere. Può giocare ovunque. Avrebbe vinto sicuro un Pallone d’oro almeno se la Roma si fosse aggiudicata una Champions".

Hai saputo dell’incidente con Spalletti? Vissuto come un sacrilegio in una città quasi più tottista che romanista. Tutto il mondo ne ha parlato.
"Dico solo che il problema deve essere risolto con il dialogo per il bene di tutti. Questa storia danneggia la Roma. E questo non va bene".

Lui vuole giocare un altro anno. Ne discute con Pallotta in questi giorni.
"Luciano Spalletti è un grande allenatore, mi piace molto, Totti è la storia della Roma, i due devono dialogare".

Le versione di Falcao. Il mito appartiene a e stesso o alla gente? E’ giusto ostinarsi e trascinarsi quando le risorse ti abbandonano, offuscando una storia esemplare?
"Francesco deve essere felice della sua scelta. Ha acquisito questo diritto. Solo lui può decidere, nessuno può intromettersi".

Tu al suo posto?
"Io ho smesso a quasi 33 anni. Avrei continuato se mi fossi reso conto di essere utile anche in minima parte al campo o allo spogliatoio. Ma oggi il calcio è cambiato, si dura di più".

Hai smesso per il ginocchio?
"Assolutamente no. Stavo bene. Non avevo più voglia. Feci solo un pensierino quando mi chiamò nell’86 Maradona che mi voleva al Napoli. A Roma non potevo più tornare".

Cosa non andò?
"Non c’erano i tempi tecnici per chiudere l’affare e io dentro ero ancora troppo romanista".

Si parla per Totti di un’esperienza negli Stati Uniti. Come sarebbe invece un finale di carriera brasiliano per Francesco?
"Sarebbe un grande finale di carriera. Il calcio brasiliano adora i giocatori tecnici come lui".

E nella tua squadra?
"Una meraviglia. Premessa: spero per lui, per la gente e per la Roma che trovino l’accordo giusto. Non dovesse accadere, dico a Francesco: vieni con me da maggio a dicembre per il prossimo campionato".

Come lo faresti giocare?
"Gli darei un pezzo di campo, probabilmente l’area di rigore, e gli direi: qui tu sei il dominatore".

Sensazionale, quasi da auspicare: i due imperatori, Falcao e Totti, le due leggende del calcio romanista che si ritrovano in un altrove inimmaginabile.
"Per Francesco sarebbe come ritrovare, con me, un pezzo di Roma. Ci siamo anche con uno dei due colori sociali. Il rosso c’è. E il numero dieci, naturalmente, sarebbe suo".

Fonte: Dagosipia-G.Dotto

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom