Rassegna Stampa

Fazio come Yanga-Mbiwa, sognando lo stesso finale

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 18-10-2016 - Ore 07:33

|
Fazio come Yanga-Mbiwa, sognando lo stesso finale

LA GAZZETTA DELLO SPORT - PUGLIESE - In comune hanno molto poco, se non il fatto di essere partiti entrambi dalle retrovie per poi conquistarsi un posto al sole. Ma uno è francese e l’altro argentino, uno ha i piedi rivedibili e l’altro un palleggio elegante, infine uno è più marcatore e l’altro più dominante nel gioco aereo. Anche se poi il primo proprio su di una palla alta, quella con cui ha regalato la vittoria al derby nel 2015, ha scritto la sua storia giallorossa. E la speranza del secondo è poi quella di ripercorrerla quella storia lì, perché portò dritti in Champions, oltre che nel cuore dei tifosi. Il primo èYanga-Mbiwa, il francese di origini centroafricane che stasera proverà con il suo Lione a complicare il percorso europeo della Juventus; il secondo è Federico Fazio, che proprio ai bianconeri guarda con interesse e che con la sua solidità difensiva vorrebbe aiutare la Roma a mettergli un po’ di paura.

IL PRECEDENTE – Del resto, Fazio a Roma si era presentato così: «Competere, competere, competere. La parola d’ordine deve essere questa», nella sua prima conferenza stampa in giallorosso. E lui ci ha messo del suo proprio per competere e mettere in difficoltà Spalletti. Esattamente come Yanga-Mbiwa aveva fatto due stagioni fa con Rudi Garcia, facilitati entrambi dall’infortunio del compagno di reparto che doveva essere di fatto titolare (Castan per il difensore francese, Vermaelen per l’argentino). Entrambi, però, erano arrivati a Roma per essere il quarto centrale a disposizione del proprio allenatore ed entrambi hanno poi scalato le gerarchie, diventando a tutti gli effetti titolari. Magari non fissi e non inamovibili, ma titolari sì.

LA COPPIA – Fazio nella Roma attuale è proprio questo e di lui Spalletti sembra non poter fare a meno, almeno per ora. Gara dopo gara ha trovato la chimica giusta con Manolas, diventando sempre di più anche una «coppia». Veloce e marcatore il greco, forte di testa e bravo di piede l’argentino. I due sembrano integrarsi molto bene, tanto è vero che da quando hanno iniziato a giocare insieme (Viktoria Plzen-Roma 1-1) la difesa sembra funzionare molto meglio. E lo dicono anche i numeri, visto che da quella partita lì in Repubblica Ceca Spalletti non ha più cambiato la coppia centrale, subendo sette gol in sette partite. Uno in meno di quelli che aveva subito nelle precedenti 5 gare ufficiali. Di fatto, quindi, con Manolas e Fazio insieme la Roma subisce meno reti(uno a gara, contro l’1,6 delle coppie precedenti). Se sia un caso o meno lo vedremo più avanti. Per ora, però, sembra proprio che non lo sia.

Fonte: LA GAZZETTA DELLO SPORT-PUGLIESE

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom