Rassegna Stampa

Fazio ha fatto il rodaggio: «Eccitato da questa Roma»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 07-08-2016 - Ore 08:29

|
Fazio ha fatto il rodaggio: «Eccitato da questa Roma»

GAZZETTA DELLO SPORT - ZUCCHELLI – Settantatré minuti in campo con la formazionePrimavera, da capitano, nell’amichevole vinta 3-­1 (gol di Bordin, Keba e Tumminello) a Trigoria contro il Trastevere (formazione della D). Lo scudetto sulla maglia ­ la formazione di Alberto De Rossi è campione d’Italia ­ per Federico Fazio può essere interpretato solamente come un buon auspicio in vista della stagione che per lui, da romanista, comincerà solamente domani, quando sosterrà il primo allenamento con il gruppo di Spalletti.

LA PRIMA VOLTA – Ieri il tecnico non c’era a Trigoria mentre lui sgambettava con i più giovani («grazie di tutto ragazzi», ha poi scritto sui social), ma ad osservarlo c’eraMassara, che poi ha fatto il resoconto a Sabatini e allo stesso Spalletti. Ha giocato esattamente i minuti previsti, dopo che nei giorni scorsi si era allenato da solo e, seppur a ritmi non elevatissimi, ha dimostrato un buon stato di forma. Anche mentale, visto che come ha detto al suo amico Vertonghen è «molto eccitato per questa nuova avventura».

 

LA STORIA – Fazio, che a soli 29 anni in molti hanno già bollato come giocatore destinato a non lasciare traccia, è invece uno che in carriera qualche soddisfazione se l’è presa: era nell’Argentina che nel 2008 a Pechino ha vinto la medaglia d’oro ai Giochi Olimpici. Insieme a lui Messi, Aguero, Riquelme, Mascherano, Garay, Lavezzi e Banega. Con il Siviglia ha vinto due Europa League: una da protagonista, quella del 2014, dove era titolare inamovibile, e l’ultima, quella vinta pochi mesi fa contro il Liverpool, da comparsa (2 sole presenze) dopo sei mesi fallimentari al Tottenham, dove ha collezionato zero minuti e due sole convocazioni in 23 partite di Premier League.

IL BENVENUTO – A Siviglia ha avuto per sei stagioni come compagno di squadra DiegoPerotti, che due sere fa gli ha dato il benvenuto con una cena a casa sua a cui erano presenti anche Paredes e Iturbe. Il suo compito è quello di conquistare Spalletti. Soprattutto adesso che con l’arrivo di Vermaelen al centro della difesa c’è parecchio traffico.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom