Rassegna Stampa

Gaffe di Ferrero contro Pulvirenti «Deve morire»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 02-07-2015 - Ore 07:10

|
Gaffe di Ferrero contro Pulvirenti «Deve morire»

CORRIERE DELLA SERA - ARZILLI - «Credo che nelle combine si distinguano due piani: una cosa è la compravendita delle partite, un’altra è la fuga di informazioni che ingolosisce chi scende in campo». A parlare è Francesco Baranca, segretario generale di Federbet che un mese fa denunciò il caso Catania davanti al Parlamento Ue e che domani presenterà un nuovo esposto alla Procura di Busto Arsizio su altre due gare dei siciliani, il 2-2 di Trapani del 16 novembre 2014 e il 2-3 del Massimino contro il Cittadella del 16 maggio scorso. «Col Trapani è stato l’antipasto del ritorno (una delle combine ammesse da Antonino Pulvirenti, ndr) — dice Baranca —, mentre col Cittadella è evidente il picco di x2 giocati nelle ricevitorie catanesi: la notizia girava...». 
Il buco si allarga, insomma, proprio mentre la Procura di Catania cerca di approfondire la questione negli interrogatori. Pulvirenti ha parlato e ieri si è pure beccato il veleno del presidente della Samp, Massimo Ferrero: «Pulvirenti va radiato dal calcio. Ma come si permette di fare certe cose, di sporcare il calcio? Dev’essere radiato, a me certa gente fa schifo — ha detto a Radio 24 —. Buttare la chiave? No, deve morire, è finito, non deve esistere, deve essere radiato lui, la squadra, tutto. È gentaccia. Non esiste, non si deve salvare nessuno. Deve prendere schiaffi tutti i giorni, da tutti». 
Molti altri invece hanno preferito tacere, come ieri Fernando Arbotti, l’agente Fifa coinvolto nell’inchiesta: «Gli interrogatori sono andati come mi aspettavo — ha detto ieri il pm Alessandro Sorrentino —. Di certo non finisce qui, per nessuno degli indagati. Non intendiamo tralasciare nulla. E non escludo di andare anche fuori dalla Sicilia per sentire altre persone». E di certo ogni passo in ambito penale potrebbe comportarne due della giustizia sportiva: ciò che non è penalmente rilevante potrebbe invece esserlo per il procuratore Figc, Stefano Palazzi. Che sabato sarà a Novara assieme a Federbet, al presidente Tavecchio e alla Nazionale Italiana Magistrati per fare il punto. 

Fonte: CORRIERE DELLA SERA - ARZILLI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom