Rassegna Stampa

Gara da attenzione altissima, anche per i cori razzisti

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 05-10-2013 - Ore 09:08

|
Gara da attenzione altissima, anche per i cori razzisti

Ai30.800 abbonati nerazzurri già presenti vanno ad aggiungersi 27.000 biglietti venduti fino a ieri sera più i 3000 acquistati dai tifosi della Roma (ma ce ne sono altri 2500 a disposizione dei sostenitori giallorossi). Totale, oltre 60.000 presenze già sicure, e la notizia è che se andranno esauriti il 1° e 2° anello di San Siro (evento probabilissimo), verranno aperte le vendite per il terzo. Morale: tutto esaurito forse no,maInterRoma ci andrà vicino. Vicinissimo.

Torna la Nord Detto che i tagliandi potranno essere acquistati fino a poco prima dell’inizio del match (online e nei botteghini, che apriranno alle 17,45), eccoci alla vocetifo: dopo la squalifica di un turno del secondo anello di San Siro per cori discriminatori uditi in InterJuventus, dopo l’assenza forzata durante il match del 26 settembre scorso InterFiorentina decretata dal Giudice Sportivo Tosel in base alle nuove norme diramate dalla Uefa e accolte dalla Federcalcio, ecco che tornerà a far sentire la propria voce la Curva Nord, fortino della tifoseria interista.

No racism È chiaro che sul San Siro pende il primo bonus già esaurito proprio per i «buu» sentiti in direzione Asamoah-Pogba: alla prossima situazione di coro nella quale si vedrà configurata la discriminazione razziale (o territoriale: per le nuove normehanno la stessa valenza), lo stadio rischierà la chiusura totale per la successiva partita interna, quindi una gara a porte chiuse. Per quanto riguarda l’ordine pubblico, ecco che InterRoma è stata definita in Questura «Partita Attenzionata». Il Questore Luigi Savina ha appunto chiesto agli uomini delle forze dell’ordine attenzione massima in quanto il match dà grandi segnali di criticità per eventuali incidenti. E’ prevista una mobilitazione cospicua di agenti e le antenne verranno tenute drittissime anche per eventuali striscioni o cori a sfondo razzista: dopo le chiusure delle curve di Inter, Lazio, Roma e Milan dall’inizio del campionato, l’imperativo attuale è quello di combattere ogni forma di discriminazione. 

 

 

Fonte: Gasport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom