Rassegna Stampa

Garcia: «Anche per vincere 1-0 avrei firmato con il sangue»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 31-08-2015 - Ore 07:59

|
Garcia: «Anche per vincere 1-0 avrei firmato con il sangue»

GAZZETTA DELLO SPORT-PUGLIESE- La prima volta, si dice, non si dimentica mai. Anche se poi quella di Garcianon è una prima volta in assoluto, perché la Juventus l’aveva già battuta in Coppa Italia (il 21 gennaio 2014, gol decisivo di Gervinho). In campionato, però, finora non era mai successo, con il tecnico francese che finora aveva raccolto solo un pari in 4 gare. «Sono felice per la vittoria, ma soprattutto per il modo come è maturata. Questa è la strada giusta, da seguire. Ma non parliamo di favoriti, dobbiamo abbassare i toni, è solo la seconda giornata, la stagione è lunga. L’importante ora sarà però continuare così, senza addormentarci, fin dalla gara di Frosinone. Altrimenti anche questa vittoria con la Juventus non avrà senso».

IL PIANO PARTITA - La Roma la partita l’ha vinta togliendo fiato e idee alla Juve fin da subito, pressando alto i primi portatori di palla. «Dzeko, Iago e Salah hanno fatto un gran lavoro, la prima linea difensiva ha lavorato benissimo – continua Garcia –. Fino al vantaggio la pressione è stata perfetta, togliere fiato a Chiellini e Caceres ci ha aiutato a recuperare palloni interessanti. Poi ci siamo abbassati troppo, ci servirà da lezione. Non mi piace prendere gol con un uomo in più e rischiare anche di essere colpiti nel finale, conoscendo Keita so che starà male per quell’errore lì. Ma prima della partita avrei firmato con il sangue per vincere di misura».
LE SCELTE -  Per quella firma sanguinosa, Garcia ha rivoluzionato la difesa. Dentro De Rossi per Castan, con Digne dal via. «Ho dovuto fare delle scelte, è andata bene. Soprattutto con Digne, che non volevo far giocare, l’ultima sua partita era di luglio. Mi ha stupito, sembrava fosse qui da sempre. De Rossi? Castan non è ancora al 100%, sfrutterà la sosta per esserlo. Ma Daniele è uno che sa fare tutto, compreso far uscire la palla con qualità». Quella qualità che ieri ha dato Pjanic («Sappiamo tutti che può essere decisivo, ora sta fisicamente bene e non deve stringere i denti come nella seconda parte della scorsa stagione») e che in futuro potrà aggiungere Francesco Totti.
PARLA TOTTI  - «Risultato giusto, avanti così – dice il capitano della Roma – Sono tre punti pesanti, ma la stagione è appena iniziata, ci aspettano tante partite». E troverà il modo di essere protagonista.

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT-PUGLIESE

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom