Rassegna Stampa

Garcia a piccoli passi: «Roma, obiettivo Europa»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 15-09-2013 - Ore 08:15

|
Garcia a piccoli passi: «Roma, obiettivo Europa»

Se Walter Sabatini prova a volare alto parlando di obiettivo Champions, Garcia per non rischiare brutte cadute, cammina con i piedi ben saldi a terra e definisce il futuro della Roma in un semplice ingresso in Europa League. 

Chiaro: ci sta la scaramanzia, il mettere le mani avanti, ci sta il realismo esasperato. «L’obiettivo e l’ambizione sono due cose diverse. L’obiettivo è tornare in Europa, l’ambizione è la Champions. Non dimentichiamo che da due anni, questa squadra, non gioca in Europa»Più chiaro di così. Non è mancanza di stima tra i due, anzi, è solo una questione vedute diverse. «L’ambizione della Roma e dei suoi proprietari americani è quella di fare di questo club uno dei più grandi di Europa. Ma ci vuole tempo e nel calcio ce ne è sempre poco. A me interessa, ora, che la squadra lavori bene, che abbia fiducia e che vinca le partite. Abbiamo bisogno di vincere come abbiamo fatto nelle prime due uscite in campionato. La mia attenzione è ancora più forte adesso, per me ci sono troppe cose positive, anche a livello ambientale. Non abbiamo vinto niente per il momento, dobbiamo essere umili e concentrarci sulla prossima gara. Il resto non importa».Adesso conta vincere per non fermarsi sul più bello. Dopo due vittorie consecutive, la Roma è chiamata domani a Parma al tris. 

L’ESSERE SQUADRA
C’è problema dei nazionali, degli infortunati, di frenare l’entusiasmo ma Garcia mostra fiducia nel gruppo anche in quei giocatori considerati “problemi”, tipo Borriello. «Abbiamo molte cose da migliorare perché stiamo lavorando solo da due mesi. Un gioco di una squadra, una filosofia di gioco, uno stato d’animo positivo e lo spirito di squadra può essere iniziato in due mesi ma non può essere al massimo. Avremo bisogno di lavorare forteed è sicuro che, con gli impegni delle nazionali, è più difficile lavorare. Solo venerdì è stata una giornata utile per stare con tutti ma è poco per preparare una gara importante come quella di Parma».

Garcia non ha rimpianti per quello che è successo (e non successo) in sede di mercato. «Mi piace questa rosa e mi piace che il mercato sia finito. Adesso il gruppo è completo e possiamo lavorare forte. Spero solamente che non avremo troppi infortunati. Borriello? È facile per lui avere un ruolo: il suo profilo è unico. Ho bisogno di attaccanti complementari, con Marco abbiamo un centravanti d’area, è sicuro che avremo bisogno di lui. Si sente bene con i compagni e preferisco che sia con noi perché conosce la rosa e il club». 

OBIETTIVO PARMA
Garcia fa le prove per la sfida di domani, poi ci sarà il derby. Subito impegni importanti. Va calcolato tutto. «Stiamo seguendo con attenzione le partite e i tempi di gioco, i viaggi e la stanchezza dei nazionali. Per fortuna si gioca di lunedì e mi sembra che sia un tempo sufficiente per tutti i giocatori che sono stati impegnati in questi giorni per recuperare bene». [...]

Fonte: (Il Messaggero – A.Angeloni)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom