Rassegna Stampa

Garcia ci crede: ''La pressione ora si sposta sulla Juventus'

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 07-04-2014 - Ore 08:27

|
Garcia ci crede: ''La pressione ora si sposta sulla Juventus'

Conoscendolo, alla fine non sarà riuscito a godersi fino in fondo anche questa vittoria, quella che spazza via il tabù-Cagliari e regala alla Roma la vittoria al Sant’Elia dopo 19 anni. Perché Garcia è un perfezionista e perché non gli è piaciuto prendere quel gol nel finale, che ha avuto una conseguenza ancora peggiore: l’infortunio di Benatia (problema muscolare al quadricipite, accertamenti tra oggi e domani ma si temono tre settimane di stop), che andrà a sommarsi alle assenze con l’Atalanta per squalifica di Pjanic, Florenzi e Destro.

«Ma per le squalifiche non sono preoccupato, giocherà qualcun altro dice il francese Piuttosto spero che non riposi Mehdi, che il suo infortunio non sia una cosa grave». La Roma ieri ha vinto la partita anestetizzandola con il possesso palla nei momenti chiavi, per poi affondare i sardi con le ripartenze. «Ma non è vero che siamo stati cinici, abbiamo semplicemente letto e vinto la partita come volevamo: sfruttando gli spazi e le fasce, che sapevamo che il Cagliari ci avrebbe concesso in caso di nostro vantaggio. Ora quello che mi importa è andare avanti e cercare di fare il nostro gioco in ogni campo, fino alla fine».

Inseguendo la Juve Intanto, però, la Roma a meno cinque punti dalla Juve è un dato di fatto e di questo Garcia gode eccome. «Ora la pressione si sposta su di loro. Noi alla rimonta ci crediamo, è già successo altre volte in Europa. Ma non dipende da noi, noi siamo padroni del nostro destino solo per quanto riguarda il secondo posto. Quando sono arrivato il primo obiettivo era ridare il sorriso a giocatori, ambiente e tifosi. E questo lo abbiamo già raggiunto, anche se una squadra che vuole segnare la sua storia è una squadra che vince dei titoli». Già, è la filosofia di Garcia, uno che ad arrivare secondo non ci sta. Ed a chi gli fa notare che dopo Donadoni, anche Lopez ha messo Juventus e Roma sullo stesso piano, lui risponde così: «Il bilancio lo faremo a fine stagione, quando si vedrà chi è davanti e con quale scarto. Ma Roma e Juventus hanno fatto entrambe grandi cose».

Radja unico Insomma, il fatto di aver vinto anche a Cagliari un sorriso glielo strappa («I tabù sono fatti per essere violati »), così forte che Garcia chiude con uno spot per quello che con Destro è stato l’uomo del giorno, Nainggolan. «Io non sono il commissario tecnico del Belgio, ma se Radja non andrà al Mondiale sarà una cosa incredibile. Un giocatore così forte non può non esserci, anche se il Belgio ha la migliore rosa della sua storia e li vedo almeno in semifinale». Nainggolan, ovviamente, ringrazierà.

Fonte: GASPORT - PUGLIESE

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom