Rassegna Stampa

Garcia ci crede, Roma d'attacco

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 20-01-2014 - Ore 07:31

|
Garcia ci crede, Roma d'attacco

«Ci tengo molto. E’ una partita importante: per me, per la gente e per tutti voi: prepariamola bene». La raccomandazione ci sta, anche perché lo stato d’animo di Rudi Garcia è lo stesso dalla notte del 5 gennaio. Avrebbe voluto rigiocare subito lo scontro diretto: il 3 a 0 di Torino non gli è andato proprio giù. Lo considera risultato bugiardo, soprattutto nel punteggio. La Juve è avanti in classifica di 8 punti, ma il francese è sicuro che il divario tra i bianconeri e la Roma sia momentaneamente esagerato. Domani il suo primo obiettivo sarà proprio questo. Per lui il gap tra le due rivali è inferiore: se ne accorgeranno Conte e il resto d’Italia nel quarto di finale di Coppa Italia all’Olimpico. Per questo pretende concentrazione e applicazione dal suo gruppo. Al quale si sta rivolgendo in queste ore. Per renderlo mentalmente ancora più forte. Più consapevole della competitività. Lo ha fatto a caldo, già sabato sera nella pancia dell’Olimpico, e anche ieri mattina nello spogliatoio di Trigoria. Ricordando che davanti alla porta, contro i campioni d’Italia, bisogna essere spietati. Niente sprechi, per non avere poi rimpianti. Lo ripete spesso in sala video.

STRISCIA POSITIVA
La Juve, con i suoi 12 successi di fila in campionato, si conferma superpotenza, almeno in Italia. E’ l’unica ad aver battuto in questa stagione la Roma. Che però ha reagito alla grande e da grande dopo quella sconfitta. Tre vittorie di fila, compresa quella di Coppa Italia contro la Sampdoria, e parziale di 8 reti a 0 per i giallorossi. All’Olimpico, a parte i passaggi a vuoto contro il Sassuolo e il Cagliari, Garcia ha raccolto il massimo: 10 successi in 12 gare interne. E solo 2 reti incassate, l’ultima l’8 dicembre contro la Fiorentina. De Sanctis nelle due partite in casa del 2014 non è stato mai chiamato a intervenire. I match contro il Genoa e il Livorno sono stati a senso unico e senza storia. Certo, le due avversarie non sono sembrate all’altezza, ma la Roma fisicamente e psicologicamente sta ormai recitando la parte della squadra di vertice. Gioca, si diverte, costruisce occasioni da rete e, cosa fondamentale, vince.

SENZA PAURA
La bruciatura più fastidiosa per Garcia, dopo Torino, è stata l’esaltazione della strategia di Conte. Il francese è convinto di non aver perso il duello con il collega sul piano puramente tattico. La Juve si è sistemata in campo con prudenza: cinque uomini in difesa, aspettando i giallorossi che hanno avuto per gran parte del primo tempo l’iniziativa. A sentire Rudi, però, la Roma non ha mai concesso ripartenze pericolose agli avversari. Come a dire: sono stati solo gli episodi a incidere sul risultato e non le mosse del tecnico bianconero. Quella sconfitta si sintetizza nelle distrazioni sulle prime due reti e nell’espulsione (da evitare) di De Rossi che ha preceduto la terza. Insomma il 4-3-3, o anche il 4-2-3-1 in corsa, non si discute. A viso aperto anche domani sera, magari alzando il ritmo, come non è successo a Torino, per evitare che i rivali non abbiano il tempo di sistemarsi.

NUOVA FORMULA
Garcia è ancora senza Balzaretti. Ma la difesa rimane il vanto del suo lavoro a Trigoria. E’ la migliore del torneo, 10 reti subite e senza prenderne in 14 gare su 21. Contro la Juve rientrerà a destra Maicon. Torosidis è andato bene a destra contro il Livorno e può diventare anche l’alternativa a Dodò sulla fascia sinistra. Se il reparto arretrato è efficace, il merito non è solo degli interpreti della linea a quattro. Conta l’assetto, solido e organizzato. Ora il francese deve scegliere come utilizzare proprio i quattro centrocampisti che sono il cuore della squadra: uno in partenza dovrebbe restare fuori. De Rossi è in dubbio: ha chiuso la gara di sabato con il riacutizzarsi dell’infiammazione all’alluce e ieri ha avuto anche qualche linea di febbre. Pronto Nainggolan. Davanti il tridente d’oro con Florenzi, Totti e Gervinho: garantisce qualità, equilibrio e imprevedibilità. Ma i cambi possono diventare fondamentali: Ljajic è in forma e Destro ha il gol facile. I due hanno aperto e chiuso la gara con il Livorno. La soluzione in più viene dai quattro centrocampisti. Usandoli in blocco, oltre al 4-2-3-1 con Pjanic trequartista, è possibile pure il 4-3-2-1, con due mezze punte. Garcia si può sbizzarrire, con la nuova opzione. Domani e anche più avanti, quando avrà pure il suo pupillo Bastos.

Fonte: Il Messaggero - Trani

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom