Rassegna Stampa

Garcia deluso non cerca alibi «Ma vorrei anche fischi diversi»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-11-2013 - Ore 08:30

|
Garcia deluso non cerca alibi «Ma vorrei anche fischi diversi»

Calci, ma non al pallone. Alle borse, alle panche, a tutto ciò su cui è possibile sfogarsi. Nello spogliatoio romanista si mastica rabbia. ma non solo verso l’arbitro Giacomelli: anche per la propria ingenuità. Se a fine gara, si sono visti De Rossi, Florenzi e Pjanic andare a lamentarsi per i rigori, i recuperi e la durezza del Sassuolo, a tensione scemata il racconto del «dopo» lo lasciamo a tre voci della squadra che dobbiamo far restare anonime. Voce 1: «Siamo un gruppo di str… Non sappiano tenere un vantaggio in casa». Voce 2: «Speriamo che gli arbitri non ce l’abbiano con noi». Voce 3: «Macché rigori. Anzi, c’era quello su Floro Flores prima del gol. Smettiamola di protestare, se troviamo un arbitro più permaloso rischiamo squalifiche. Se piangiamo non cresciamo». Messaggio da recapitare a un ambiente in fibrillazione soprattutto dopo gli «aiuti» alla Juve,
Ljajic amaro In pubblico, nel bene e nel male il protagonista è Ljajic. «Dovevamo chiudere prima la partita. Ho rammarico per i gol falliti e sono il primo a prendermi la responsabilità. Non so cosa sia successo e ci sto male, ma dobbiamo comunque uscire da questo periodo. Il “giallo” per simulazione? Non voglio parlarne. Una volta mi hanno squalificato per una cosa che ho detto. E’ incredibile non si può parlare di arbitri. Comunque sul primo episodio non c’era fallo, ma sul secondo la spinta c’era».

Garcia, al solito, non cerca alibi, anche se un paio di puntualizzazioni le fa. «L’arbitro? La colpa è nostra. Poi se Ljajic viene messo giù e non è rigore, ok, poteva andare meglio, ma l’ammonizione è troppo, non è un simulatore. Non importa, l’arbitro fa il suo mestiere, spero che le decisioni nel futuro non siano sempre nello stesso senso». De Sanctis è netto. «Il discorso arbitri non lo apro perché non dobbiamo costruirci alibi. Finora non abbiamo né da ringraziare né da lamentarci per ciò che ci è stato fischiato».

Emergenza attacco La cosa che più preoccupa, però, è l’emergenza in attacco. «Abbiamo 4 punte fuori (Totti, Gervinho, Borriello e Destro, ndr), speriamo di recuperarne un paio per il Cagliari (Borriello, che domani farà gli esami, e Gervinho, ndr) – spiega Garcia -. Spero che l’ivoriano sia ben gestito in Nazionale. Abbiamo giocato bene, ma siamo stati sfortunati. Non temo contraccolpi psicologici. Al prossimo turno saremo sempre in testa. Ho visto i giocatori arrabbiati, perciò sono sicuro che saranno pronti per rivincere subito».

Fonte: Gazzetta dello Sport – Cecchini

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom