Rassegna Stampa

Garcia e Pallotta alla resa dei conti: la Roma spiazzata dalle verità del francese

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 30-05-2015 - Ore 22:41

|
Garcia e Pallotta alla resa dei conti: la Roma spiazzata dalle verità del francese

MESSAGGERO.IT -TRANI  - Garcia, quando meno te l’aspetti, prende le distanze dalla Roma. Approfitta della conferenza stampa di fine stagione per dire quanto non ha potuto mettere in piazza prima. La Roma, anche la prossima stagione, potrà arrivare al massimo seconda. Rudi non nasconde tutto il suo pessimismo. Che non è un messaggio per la società. Sono i fatti, spiega. Perché la Juve è di un altro pianeta e i giallorossi hanno appena vinto il campionato a 19 squadre. Risultato straordinario, a sentire il francese che elogia, in questo senso, solo se stesso e al massimo i giocatori, quando sottolinea che il club di Pallotta, in Italia, è solo quinto per il fatturato. Davanti ci sono, oltre alla società bianconera, anche il Milan, il Napoli e l’Inter. 

SPALLE AL MURO – I dirigenti hanno incassato malissimo la presa di posizione del tecnico di Nemours. Anche perché la Roma, in piena campagna abbonamenti, viene sminuita proprio da Rudi. Che prepara la piazza a nuovecessioni più che a possibili successi. Per il francese il gap con la Juve aumenterà, perché Agnelli potrà contare sugli introiti della Champions (arrivando in finale, incassati quasi 100 milioni) e Pallotta, invece, dovrà rispettare ilfair play finanziario. «Da quando sono arrivato mi è stato detto che prima di comprare bisogna vendere» la frase che più ha dato fastidio al management del club giallorosso.  

AUT AUT PERICOLOSO – Garcia, con parole che hanno ovviamente lasciato il segno, ha invitato la proprietà a uscire allo scoperto. Per non illudere più i tifosi. Non ha voluto rompere. Ha solo preteso chiarezza. Non per lui che, a quanto pare, è informato da tempo sulle strategie, ma per la gente. Lo ha fatto adesso, perché sa che giovedì incontrerà Pallotta a Londra. E il presidente avrà la possibilità di dettare le linee guida per la nuova stagione. Il francese si augura che la proprietà possa garantirgli investimenti di primo piano. Ci spera, ma non ci crede. Ecco perché ha parlato in anticipo. Per convincere, comunque, Pallotta a essere sincero con la tifoseria. Anche a costo di ammettere di rinviare per ora ogni sogno. Ogni vittoria, in Italia e in Europa.

TIFOSI PERPLESSI – La gente, per tutta la giornata, si è chiesta che cosa abbia spinto Garcia a presentare il conto ai dirigenti. Se lo ha fatto perché dietro un altro club: difficile. O perché è intenzionato semplicemente adivorziare: complicato. La seconda ipotesi può lievitare solo se il francese non avrà garanzie tecniche da Pallotta. Che per esonerarlo dovrebbe però buttare al vento circa 17 milioni lordi. Rudi è sotto contratto per altri 3 anni. Di sicuro la situazione è deflagrata. Nonostante il secondo posto che vale oro per Garcia (risultato sportivo) e per il futuro della Roma (solidità del club). La frattura è da ricomporre, però, in fretta. In passato Capello (proprio da giallorosso), l’anno scorso Conte (da juventino) usarono concetti simili. Denunciando la non competitività delle rispettive squadre. Finì per entrambi allo stesso modo (anche se con tempistica diversa). Con la separazione. Che nessuno può ormai escludere a priori.

 

Fonte: MESSAGGERO.IT -TRANI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom