Rassegna Stampa

Garcia firma e carica «L’Europa non basta Io ho fame di trofei»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 13-06-2013 - Ore 08:10

|
Garcia firma e carica «L’Europa non basta Io ho fame di trofei»

(Gazzetta dello Sport – A.Pugliese) La faccia è quella giusta, le idee e la voglia anche. La speranza, invece, è che alla fine non sia proprio la sintesi dei tre allenatori che l’hanno preceduto (Luis Enrique, Zeman e Andreazzoli), come detto dal d.s. Sabatini, almeno non nei risultati. La gente da Rudi Garcia si aspetta infatti che salvi la baracca, che trascini la Roma fuori dall’anonimato e che la riporti finalmente a sognare. «So che la Roma deve ritornare in Europa, ma sono venuto anche per provare a vincere». Dolci parole per le orecchie giallorosse, anche se di proclami (a vuoto) ne sono arrivati già troppi in questi due anni. 

CHE TRAGUARDA  Garcia, insomma, è stato presentato ieri a New York, in una fugace conferenza stampa negli uffici della Raptor. Ha già detto qualcosa in italiano («Lavoreremo per la felicità dei nostri tifosi. È molto importante»), affidandosi poi alla traduzione di Frederic Massara, proprio come James Pallotta si è affidato alla traduzione del consigliere Mauro Baldissoni. «Garcia ha dato prova di essere un allenatore vincente, spero possa rimanere molti anni con noi — ha detto il presidente — È la prima vera decisione che prendo effettivamente da presidente». Et voilà, colpo di spazzola al passato. «Rudi lo seguivamo da tempo, lo abbiamo preso per risultati, storia e attività polivalente — dice Sabatini — E poi per la sua grande voglia di Roma, che considera un traguardo importantissimo. Speriamo quello definitivo». 

AMORE TRASVERSALE  Spazio a Garcia, dunque, che con Sabatini sta già ragionando sulla Roma che sarà (venerdì arriverà a Roma Benatia, nel fine settimana potrebbe stringersi per Nainggolan, il nome nuovo è quello di Cabaye del Newcastle). «La mia filosofia di gioco è offensiva, ma non dimentico che per vincere serve un’ottima fase difensiva — dice il tecnico ex Lilla, che ieri con il suo vecchio club si è scambiato messaggi d’amore e di gratitudine —. Non ho ancora parlato con nessuno, neanche con Totti. Ho voglia di farlo presto, perché sono un allenatore che ha bisogno di amare i suoi giocatori. Devo sbarcare a Trigoria per conoscere gli uomini». Ecco, Garcia ieri ha dato questa di impressione positiva: sembra sapere cosa fare, a cominciare dal dialogo

STADIO CHIC Poi Pallotta ne ha approfittato per fare il punto su altro, a cominciare dalla società. «Ringrazio Baldini, spero resteremo amici. Abbiamo altri manager che lavoreranno ora, anche da qui. Il fatto che non sia sempre presente non vuol dire che non penso alla Roma». Poi il resto: «Sullo stadio lavoriamo da 18 mesi, nei prossimi due avrete cognizione. Sarà l’impianto più bello d’Europa. Il merchandising? Siamo stati invitati per l’All Star Game della Mls, prima ci avrebbero chiuso il telefono in faccia».

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom