Rassegna Stampa

Garcia: «Gli allenatori sbagliano e gli arbitri anche...»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 04-11-2013 - Ore 09:04

|
Garcia: «Gli allenatori sbagliano e gli arbitri anche...»

Che l’arbitraggio di Banti non lo abbia soddisfatto fino in fondo lo si capisce dalle smorfie della faccia, appena rivede in tv il gol di Cerci e l’azione del contatto D’AmbrosioMaicon. A fine partita, però, Garcia sdrammatizza così: «Gli allenatori sbagliano, proprio come arbitri e giocatori, ma spero che Banti non si sia sbagliato. Sul pari non so se Meggiorini fa fallo su Benatia, di certo Mehdi è in vantaggio. E se Maicon prosegue la corsa, è pericoloso. Il fallo su Pjanic? Per me è rigore, sarebbe divertente vedere la classifica senza errori arbitrali. Pazienza, non è questo che ha deciso il risultato, il gioco è veloce. Il calcio è così, non si può sempre vincere, ma un pari in trasferta non è un risultato negativo ».

Borriello e Ljajic Già, anche perché prima o poi la serie si doveva fermare, anche questo è scritto nella storia. «Abbiamo giocato tutta la partita per vincere, attaccando fino alla fine continua Garcia Nel primo tempo non abbiamo sofferto niente, il Torino aspettava solo un nostro errore. Senza Totti e Gervinho abbiamo meno soluzioni davanti, ma giocare con Borriello e Ljajic dall’inizio era impossibile, dopo un’ora avrei avuto stanchi entrambi, senza possibili cambi. Bradley? Merita di giocare, proprio come Burdisso. E con tre gare in una settimana è importante avere uomini freschi. Ora voglio vincere con il Sassuolo, vorrebbe dire riguadagnare punti su Napoli o Juve. O su entrambe... ». Se sarà o meno l’uomo della provvidenza, allora, lo scopriremo in questi giorni, dopo il primo (mezzo) passo falso. «L’abbiamo detto in passato, non crediamo all’uomo della provvidenza aveva detto prima del via il direttore generale Baldissoni I risultati nascono dal lavoro e dalla voglia di riscatto di tutti».

De Rossi è già oltre La stessa voglia di riscatto che alla fine aveva De Rossi, pensando al Sassuolo. «Siamo sempre primi, ora servono 6 punti in casa. Non si possono vincere tutte le gare e non siamo arrabbiati per il mancato record europeo, ma perché abbiamo perso 2 punti suNapoli e Juve. Non siamo fortunati, negli altri campionati se vinci 10 gare sei primo con 67 punti di vantaggio. Siamo calati un po’ d’intensità,madopo la serie di vittorie un po’ di appannamento ci sta. Ma abbiamo fatto sempre la partita, loro si sono solo difesi». E il rammarico di Daniele è proprio in questo: «Non mi lamento di Banti, anche se vedo che c’è chi parla degli arbitri. Piuttosto mi lamento dell’ostruzionismo degli avversari: anche con il Chievo nella ripresa abbiamo giocato solo 10’, così è frustrante ». La Roma dovrà essere più forte anche di questo. 

 

 

Fonte: GAZZETTA DELL SPORT - PUGLIESE

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom