Rassegna Stampa

Garcia: Il Napoli è favorito ma noi cercheremo un exploit

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 18-10-2013 - Ore 08:06

|
Garcia: Il Napoli è favorito ma noi cercheremo un exploit

Aumentando il livello di difficoltà e di pressione il risultato non cambia. Non riesce proprio a cambiare espressione Rudi Garcia, pronto ad accogliere il Napoli nella tanto attesa sfida delll’Olimpico con la calma e la tranquillità che hanno caratterizzato ogni tappa del vincente percorso giallorosso.Avvicinarsi alla sfida da primi della classe, con sette successi in altrettante gare, non cambia le carte in tavola per il tecnico francese, sicuro che la prudenza sia l’arma migliore per spegnere l’entusiasmo e l’euforia divampati in città: «Il Napoli parte favorito, noi cercheremo di fare l’exploit, ma vi ricordo che è una gara in cui non ci sono in palio più di 3 punti. È solo l’ottava giornata».

Mantenere bassa la tensione è un esercizio fondamentale da mostrare all’interno dello spogliatoio, nonostante l’obbiettivo rimanga sempre e soltanto lo stesso: «Noi giochiamo sempre per vincere, sia in casa che in trasferta, continuare la serie positiva è importante, ma non abbiamo bisogno di guardare la classifica. Vi ripeto che Napoli e Juventus sono squadre costruite per vincere lo scudetto, lo sprint finale può diventare magari un nostro obbiettivo». Intanto però si penserà soltanto al Napoli di Benitez, l’allenatore e l’amico che tante volte ha avuto modo di conoscere nell’arco della sua carriera: «Rafa è un grande allenatore, ha vinto tanto. Per me è un esempio, un allenatore bravo e intelligente ed è sempre stato un piacere parlare con lui. Del Napoli temo tutta la squadra, hanno attaccanti veloci, sono forti in contropiede ma sanno anche tenere palla: se vinciamo, sarà una vittoria ancora più bella».

Nonostante a Trigoria le scelte sull’undici titolare lasciano ancora qualche dubbio che il tecnico si guarda bene dallo sciogliere con un giorno d’anticipo: «Strootman ha avuto qualche fastidio al tallone, così come Gervinho che è tornato con un piccolo problema, però alcuni sono pronti per giocare, come Ljajic: può fare la differenza. Preferisco fare una scelta difficile che non avere possibilità di scegliere». Lasciando più che uno spiraglio anche per il giovane Dodò che dovrebbe comunque parire ancora una volta dalla panchina: «Ha avuto un infortunio grave, ora lo vedo cambiare a livello fisico. Mi sembra abbia cambiato anche mentalità, gli infortuni danno maturità, è più tranquillo e più sicuro nella sua testa. Ho scelte ovunque, a destra e sinistra. Torosidis ha fatto bene, può giocare Romagnoli, posso abbassare Marquinho. Domani (oggi ndr) deciderò»

Fonte: Il Tempo - Serafini

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom