Rassegna Stampa

Garcia: "Mi voglio fidare della Roma"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 25-08-2013 - Ore 08:45

|
Garcia:

«Io ho fiducia nella società: mi hanno garantito che ogni giocatore ceduto sarà sostituito da uno di pari livello. Ma dirò la mia sul mercato dopo il tre settembre, perché per me è più importante la gara di Livorno. Voglio vincere e sarà così contro chiunque»Rudi Garciausa il sorriso per allontanare la preoccupazione di questi ultimi giorni. Che è di tutti. Dell’ambiente e sua. Così cerca il concetto giusto per evitare che scatti l’allarme prima dell’inizio. Da non sbagliare. La Roma ha fretta di voltare pagina. Stasera al Picchi il nuovo tecnico debutterà nel campionato italiano, primo francese a sedere su una panchina di serie A. «L’organico incompleto non sarà un alibi». E’ l’orgoglio di chi non si piange addosso.

NON SOLO AZIENDALISTA
Garcia accetta e aspetta. Calciatori che vanno. E anche che vengono, però. «Erano nell’aria certe partenze» ammette il francese. Che insomma sapeva tutto. Ma non cambia idea rispetto al dopo partita di Terni, quando disse che la Roma al completo, prima dell’addio di Osvaldo, era più forte. «Sì, la penso come la scorsa settimana: volevo che tutti i giocatori della rosa restassero con noi. Quando, però, è tempo di trasferimenti bisogna considerare l’aspetto sportivo e quello economico. Spesso conta di più il secondo. Il mercato è il periodo peggiore per un allenatore. E non solo per me. Ovunque, in Europa, noi tecnici siamo nella stessa situazione. In Francia solo il Psg e il Monaco non hanno problemi, gli altri allenatori si devono adattare. Come me. Iniziare il campionato con le trattative ancora in corso è fastidioso. Lavoriamo insieme con i dirigenti: mi fido di quanto mi hanno detto. Avrò una squadra competitiva». Con una riflessione che non si può trascurare: «Almeno come lo era ad inizio preparazione».

RUDI PRO ERIK
«A chi non piacerebbe avere uno che segna 15 gol e gioca nella nazionale argentina?». Chiarissimo: non è stato lui a chiedere la cessione di Lamela.Tant’è vero che se lo porta a Livorno. «Erik è convocato con altri ventidue: la formazione la dirò sempre due ore prima dell’inizio. E ai miei giocatori». Ora trovare uno come Lamela non è semplice: «Se va via un calciatore bravo, basta che ne entri uno come lui». Non si agita nemmeno per l’assenza di una prima punta (ha comunque Borriello e Tallo). «Gli attaccanti devono cambiare posizione, venire tra le linee, sfruttare la profondità. Per mettere incertezza agli avversari. Cerco gente di questo tipo. Non basta un modulo, dobbiamo avere pure un piano b nel caso in cui non funzioni l’altro. Voglio che i giocatori abbiamo una cultura tattica per cambiare sistema prima della partita e durante». La Roma lascia il percorso iniziato due anni fa. Non più i talenti da svezzare, ma i giocatori già pronti.

INSTANT TEAM
La novità, dopo Ferragosto, è però un’altra: interventi sull’organico all’ultimo istante. Fuori due titolari al fotofinish, centravanti ed esterno offensivo, e caccia ai sostituti con poco tempo a disposizione. Garcia, nell’estate del 2010, chiese ai dirigenti del Lille di confermare tutti (e solo due acquisti, a parametro zero). Accontentato, vinse il titolo. Sa che così è più dura: «E’ un problema. Meglio lavorare con una rosa definitiva. Il mercato finisce dopo due turni di campionato. Che cosa posso fare io? Niente. Ecco perché conta vincere a Livorno. Tanto non cambierà niente prima di questa gara, non arriverà nessuno. Se non ci raggiungerà Sabatini sarà per un’emergenza e... una cosa buona per noi. E’ la notte del ritorno in A della squadra toscana, vivremo momenti difficili durante la gara e sarà difficile conquistare il successo. Noi, però, abbiamo fame di vittorie. Dobbiamo essere forti nella mentalità e nello spirito. Mi interessa il collettivo e non il singolo. Voglio subito vedere una squadra. E che giochi bene». Sa dove vuole arrivare: «Dobbiamo ritrovare l’Europa: è il primo obiettivo, fondamentale per noi e per i tifosi. Avete visto come è cambiato il rapporto con loro dal ritiro a Riscone: all’Open day erano diecimila in più di un anno fa. Ci serve il loro entusiasmo, sono il dodicesimo uomo. Nel calcio non abbiamo tempo. Per questo vorrei conoscere già la rosa che mi accompagnerà per tutta la stagione. La Roma sarà forte: i giocatori lavorano e vivono bene insieme». Garcia è il quinto allenatore diverso del club giallorosso al via negli ultimi cinque tornei. Di solito il francese non ha il successo facile all’inizio (solo 2 vittorie in carriera). «Il campionato è una maratona. Sarebbe meglio cominciare bene ma le somme si tirano alla fine»

Fonte: Il Messaggero

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom