Rassegna Stampa

Garcia-Pioli il quasi derby

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 29-09-2013 - Ore 11:30

|
Garcia-Pioli il quasi derby

No, non chiamatela vendetta. Fareste un torto a Stefano Pioli, pacato insegnante della panchina, brava e corretta persona semmai ne esistono in questo mondo di muscoli gonfi e tasche mai abbastanza piene. Lui che con la nebbia o con l’estate calda gira per la sua Parma ammirando le pietre antiche finché non s’imbatte in un accogliente caffè dove sedersi e leggere il giornale, oppure si dirige verso lo stadio se casualmente vi si disputa una partita, non coltiva pensieri maligni. Quando il suo desiderio di giocare da mediano s’infranse sulla dura verità dell’eccessiva concorrenza, con sano realismo arretrò i suoi piedi discreti di una linea e mise la sua visione di gioco al servizio della difesa. Senza bestemmiare nessuno. 

 
METODI DI LAVORO - Al massimo gli si può dar credito di un briciolo di umanissima insoddisfazione per la sconfitta nella gara che aveva come premio la panchina della Roma. Lui ha perso e Garcia ha vinto. Forse nasce lì la frase che ha pronunciato alcune giornate fa durante una delle sue periodiche puntate allo stadio. Casualmente, appunto, si giocava Parma-Roma e Pioli a bassa voce disse prima del via che quella volta i giallorossi non ce l’avrebbero fatta, dopo essersela sfangata a Livorno e con il Verona. Sicuro che Pioli ha commesso quell’errore di valutazione parlando in mezzo a un sorriso e sopra una stretta di mano. Era lì a guardarsi due buone squadre e a valutare avversarie dello stesso campionato, non per portare sfortuna a una società che lo aveva prima contattato, poi quasi prenotato, infine lasciato a Bologna, città nella quale peraltro il tecnico si trova benissimo tanto da rinnovare il contratto prima ancora che la Roma registrasse l’esaurito nello staff tecnico. Ma Pioli avrebbe dovuto sapere che Walter Sabatini ha i suoi metodi di lavoro e uno di questi funziona a setaccio, raccogliere una bella manciata di giocatori o tecnici e poi lasciar ricadere a terra quello che non gli piace o non gli serve. Magari per tornare a raccoglierli in seguito. Se Rudi Garcia, il suo avversario di oggi e di quella corsa verso il Colosseo, alla fine ha messo il naso avanti nelle preferenze di Sabatini magari è solo perché l’espressione feroce e le frasi a effetto sono apparse ai dirigenti della Roma più consone a uno spogliatoio cinico come quello di Trigoria rispetto all’eleganza e ai toni in chiave minore di Pioli.  (...)
 
RIUNIONE - Garcia e Pioli possono anche essere confusi l’uno per l’altro quando enunciano ciascuno il proprio calcio, entrambi movimentisti a oltranza quali sono, entrambi pragmatici quali sono, con la sottile differenza che il francese preferisce costringere gli avversari ad adattarsi alla sua squadra mentre Pioli ama mappare gli spazi che gli altri lasciano liberi, impossessarsene e da lì ripartire. (...)

 

Fonte: Corsport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom