Rassegna Stampa

Garcia: ''Resto ma in una Roma più competitiva''

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 24-04-2014 - Ore 07:47

|
Garcia: ''Resto ma in una Roma più competitiva''

Sarà pur vero che «non bisogna credere all’uomo della Provvidenza» (copyright ineccepibile a cura del d.g. Baldissoni), ma quanto meno Rudi Garcia appare ormai quasi come un Mosè che conduce il popolo giallorosso alla Terra Promessa. E così – in attesa di sciogliere (in senso positivo) la sua riserva sul fronte del rinnovo contratto – l’allenatore accantona la diplomazia e a Sport Mediaset dice ciò che i tifosi desideravano da anni sentirsi dire. Ovvero: occorrono rinforzi e, come corollario, le avversarie contro la Juve a volte non paiono dare il massimo. A proposito, sul primo fronte la dirigenza dice di essere sposare in pieno la linea. Perciò tenetevi forte.

Protagonista «Voglio rimanere alla Roma, ma con una squadra competitiva, capace di affrontare la Champions e contemporaneamente lottare per lo scudetto. La mia volontà è chiara, quello che penso l’ho già detto alla società. Non mi interessano le voci su Psg o altre squadre. Non pongo condizioni, però l’anno prossimo giocheremo in Europa e dovremo essere pronti. Affronteremo un campionato ancor più difficile: forse faremo meno punti, magari vinceremo lo scudetto. Però soprattutto, ribadisco, dobbiamo essere in grado di affrontare al meglio la Champions. Non la giocheremo per vincerla perché ora come ora non è possibile, ma voglio almeno giocarmi da protagonista il girone e arrivare alla seconda fase». Mani su Vertonghen & Astori Inevitabile, perciò, che il discorso viri sul mercato, visto che oggi il d.g. Baldissoni e il ceo Zanzi torneranno dagli Usa con un budget di mercato definito. «Dobbiamo ancora parlarne – aggiunge Garcia, che ha salutato a Trigoria l’ex Lamela – Però chiaramente è un vantaggio esserci qualificati in Champions con tanto anticipo perché ci permette di lavorare di più e meglio». Infatti si sta provando a chiudere per il difensore Vertonghen (Tottenham) il cui agente ha incontrato i giallorossi a Firenze. Ma resta viva anche la pista Astori (Cagliari), tant’è che su twitter la fidanzata del calciatore, Francesca Fioretti, qualche giorno fa aveva scritto: «L’aria di Roma mi manca. Speriamo…». E infatti spera anche la Lazio.

Facilità Juve Ma il futuro non distrae Garcia dal presente. «Io credo ancora nello scudetto. Tutto è ancora possibile. È chiaro che noi dobbiamo però vincerle tutte, incominciando dal Milan: se succede, vediamo cosa fa la Juve col Sassuolo, sperando che questi ultimi facciano quello che devono. Nelle ultime giornate abbiamo visto giocare contro la Juve squadre che lottavano per la salvezza e che poi sul campo non hanno fatto niente, ma il Sassuolo è una buona squadra. Se la Juve non vincerà, allora sarà tutto ancora aperto». Detto che, a onor del vero, neppure contro i giallorossi squadre come Chievo e Sassuolo hanno eretto muraglie cinesi, gli avvisi ai naviganti di Garcia sono stati forti e chiari. A Boston e Sassuolo avranno preso nota.

Fonte: gasport (M. Cecchini)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom