Rassegna Stampa

Garcia: "Scommetto sullo scudetto? Meglio i cavalli..."

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 01-10-2015 - Ore 17:36

|
Garcia:

REPUBBLICA.IT - MONTI - Il tecnico, intervenuto ad un accordo commerciale del club con importanti risvolti sociali, evita di sbilanciarsi sulle chance della proprio squadra. Il dg Baldissoni: "La nostra non è solo un'azienda, ma piattaforma sociale dal valore inestimabile". L'11 ottobre iniziativa a favore della Liberi Nantes - Garcia, scommetterebbe sulla vittoria dello Scudetto della Roma? "Non posso, ma forse con l'inizio di questa nuova partnership lo farò sui cavalli, o sul tennis". A scommettere sulla società giallorossa, infatti, è Sisal Matchpoint che ha annunciato l'inizio di un accordo commerciale con il club di Trigoria con risvolti assai incisivi sotto l'aspetto del sociale. Grazie al coordinamento di Roma Cares, le due aziende daranno vita al progetto "Oltre il gioco" che, oltre ad educare i ragazzi del settore giovanile al valore dell'integrità dello sport (spiegando i rischi del calcio-scommesse ed effettuando seminari per illustrare i pericoli del 'match-fixing'), permetterà alla A.S.D. Liberi Nantes - prima squadra di calcio in Italia interamente composta da rifugiati e richiedenti asilo politico - di disporre del "Campo Sportivo XXV Aprile" nel quartiere di Pietralata e delle attrezzature necessarie all'attività sportiva. 

BALDISSONI: "ROMA PIATTAFORMA SOCIALE" - In "Una vita violenta" Pasolini raccontava le vicende di Tommaso Puzzilli, un giovane che - nella borgata romana di Pietralata - si trova a che fare con fame, delinquenza e degrado. In quel quartiere, la ASD Liberi Nantes - associazione dilettantistica nata nel 2007 - ha avuto la concessione dalla Regione del campo sportivo XXV Aprile, attualmente in fase di restauro proprio grazie al lavoro dell'Associazione e di un gruppo di volontari. E quale azienda se non Sisal Matchpoint - nata nel 1946 per merito del giornalista sportivo Massimo Della Pergola con l'obiettivo di ottenere ricavi, tramite i pronostici legati al calcio, per la ricostruzione degli stadi distrutti dalla guerra - poteva essere di ausilio a riguardo. AS Roma e Sisal hanno dato via ad un rapporto di partnership che, come dichiarato da Mauro Baldissoni, ha prima di tutto obiettivi in ambito sociale: "La nostra non è soltanto un'azienda - dice il direttore generale - ma una piattaforma sociale dal valore inestimabile. Il nostro lavoro costituisce nel privilegio di poter incidere sulle emozioni delle persone, ma anche in una responsabilità: il sorriso è doveroso portarlo a chi ne ha più bisogno e per noi è un privilegio poter contribuire ad aiutare la Liberi Nantes per recuperare un luogo storico e letterario di Roma".
 
L'11 OTTOBRE IN CAMPO PER LA LIBERI NANTES - "Per me - dice Rudi Garcia - lo sport è una formidabile scuola della vita e un fattore di integrazione importante". Per questo, con il prezioso contributo di Roma Cares (la fondazione del club giallorosso, di recente affiancata da Football Cares, l'iniziativa per la raccolta fondi in favore proprio dei migranti), l'11 ottobre (alle ore 15) andrà in scena un match amichevole tra "As Roma Legends", selezione composta da ex calciatori che hanno in passato militato a Trigoria, e la Liberi Nantes. Daniela Conti, Presidente della squadra, dopo aver ringraziato le due aziende, ha spiegato la mission dell'Associazione: "Abbiamo offerto spazi di libertà a coloro che hanno maggiori difficoltà, i migranti forzati, rifugiati politici richiedenti asilo che vivono in una sorta di limbo. Essere in un centro di accoglienza e aspettare, anche per un anno e mezzo, non ti permette di fare nulla; non hanno i documenti in regola e restano in centri di accoglienza cercando di imparando l'italiano e frequentando l'associazione. Il calcio è un linguaggio universale, unisce, ed è un modo per ritrovare la socialità, gli amici e iniziare un nuovo percorso. Siamo arrivati a gestire questo campo meraviglioso, lasciatoci in condizioni pessime dalla Regione, che stiamo ristrutturando da soli: un campo che vorremmo fosse aperto a tutti. Per noi il calcio è un luogo in cui fare inclusione vera". Ancora una volta, dunque, la Roma si pone in condizione di tracciare le linee guida per una valorizzazione della solidarietà sociale in ambito sportivo: in questo, si sa, il calcio non è altro che uno tra i migliori strumenti.
 

Fonte: REPUBBLICA.IT - MONTI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom