Rassegna Stampa

Garcia: “Vogliamo rialzarci”, l’Olimpico si aggrappa a Totti

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 17-03-2014 - Ore 08:16

|
Garcia: “Vogliamo rialzarci”, l’Olimpico si aggrappa a Totti

Riparte dall’Udinese, la Roma, dopo aver trattenuto il fiato per Strootman, protagonista purtroppo in negativo di una settimana pesante, che rischia di fiaccare le gambe e togliere entusiasmo. «Abbiamo tanta voglia di tornare alla vittoria e speriamo di aver già dato tutto con gli infortuni». È Rudi Garcia a scuotere l’ambiente, provando a ricominciare da capo, a riprendere il cammino un po’ perso nelle ultime due gare e appesantito dallo stop dell’Olandese. «Bisogna combattere anche i momenti in cui la fortuna non è dalla tua parte. Kevin si opererà martedì e poi comincerà il recupero. Lo aspettiamo e puntiamo a fare bene fino a fine stagione anche per lui. Lo merita e merita di giocare la Champions con noi la prossima stagione».

Per bilanciare l’assenza di una personalità così importante, da aggiungere a quelle degli squalificati De Rossi e Maicon, c’è il rientro di Totti. Per il capitano giallorosso ballottaggio con Destro e il compito di trascinare la Roma fuori dalla cappa di negatività degli ultimi giorni. «Con il rientro di Francesco ho più soluzioni in attacco — ammette Garcia — quando torna uno come lui è sempre una buona notizia, d’altronde di brutte ne abbiamo avute fin troppe». Con lui o Destro, Gervinho e Florenzi che favoriti come esterni. Pjanic e Nainggolan dovranno sostenere un centrocampo stroncato dalle assenze, chissà se con la conferma di Taddei, mentre in difesa sarà Torosidis a sostituire Maicon, a destra, con un ballottaggio a sinistra tra Dodò e Romagnoli. «Non si possono vincere 38 partite — spiega il mister francese — sono contento del campionato della Roma. Non è tempo né per bilanci né per fare prospettive, bisogna pensare solamente a battere l’Udinese ». A fine campionato si tireranno le somme e Garcia rinnoverà un contratto che per il momento resta chiuso nel cassetto. «Non voglio che nessuno abbia la testa su altro che non sia il campo per finire il più in alto possibile».

Fonte: LA REPUBBLICA - FERRAZZA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom