Rassegna Stampa

Garcia: «Per una vittoria così avrei firmato con il sangue»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 31-08-2015 - Ore 08:39

|
Garcia: «Per una vittoria così avrei firmato con il sangue»

CORRIERE DELLA SERA-PIACENTINI-«Lo scorso anno avevo fatto un proclama, quest’anno non sorrido nemmeno. I favoriti per lo scudetto? Se mi avessero detto alla vigilia che avremmo vinto 2-1 in questo modo, avrei firmato col sangue».

L’avviso ai naviganti di Rudi Garcia al termine della vittoria giallorossa contro la Juventus nella seconda giornata di campionato all’Olimpico è chiaro: quest’anno poche chiacchiere e tanto lavoro.

A vedere la prestazione della squadra, sembra che il messaggio sia stato recepito. «Siamo sulla strada giusta - le parole del tecnico - e questa è una squadra che produce gioco come ha fatto per almeno diciotto mesi da quando sono arrivato. La voglia collettiva, l’atteggiamento di ognuno in panchina è stato quello giusto. Sappiamo che abbiamo grandi giocatori, anche se in difesa ho dovuto fare delle scelte ma è andata bene, soprattutto con Digne che non volevo far giocare dall’inizio».

 

La Roma ha dato la sensazione di controllare la partita, poi nei minuti finali ha sofferto nonostante l’uomo in più. «Alla fine era possibile fare meglio, senza dubbio. Penso che dopo il primo gol abbiamo dimenticato di pressare, ma è solo l’inizio della stagione. Mi piace giocare queste gare per la fiducia della squadra, mostra ai ragazzi la strada da seguire. La pausa servirà a tutti i nuovi per ambientarsi, è sempre più facile lavorare con una vittoria prima della sosta: tra poco arriverà la Champions League e avrò bisogno di tutta la rosa».
Chi non ha troppo bisogno di ambientarsi è Edin Dzeko, al suo primo gol ufficiale ma soprattutto autore di una prestazione di sacrificio anche in fase difensiva. «Tatticamente i ragazzi hanno seguito il piano, il fatto di mettere pressione su Chiellini e Caceres ci ha aiutato a guadagnare palloni molto interessanti, poi quando giochiamo di prima abbiamo tanta qualità, così si vince contro la Juve che rimane una squadra forte».

Il centravanti bosniaco ha segnato un gol da bomber di razza, schiacciando un pallone di testa su assist di Iago Falque. La corsa sotto la Sud a raccogliere l’affetto dei tifosi e dei compagni è stato il giusto premio per la sua prestazione.
«Penso - le parole del bosniaco - che sia stato un match fantastico per i tifosi. E una grandissima giornata per me e per la squadra: i tifosi devono essere contenti perché giochiamo bene. La cosa più importante è aver conquistato i tre punti».

Fonte: CORRIERE DELLA SERA-PIACENTINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom