Rassegna Stampa

Gervasoni, quanti errori

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 20-12-2013 - Ore 09:32

|
Gervasoni, quanti errori

IL ROMANISTA (F. BOVAIO) - Guardando il percorso stagionale di Andrea Gervasoni, designato da Braschi per Roma-Catania, verrebbe da dire, con le parole di un vecchio proverbio: “Da Gervasoni mi guardi Iddio che dal Catania mi guardo io”. Nelle 7 partite di questo campionato, infatti, il mantovano ha sbagliato così tante volte da finire negli ultimi posti delle classifiche di rendimento arbitrale stagionali. In Verona- Cagliari 2-1 negò un rigore ai veneti per un tocco di braccio di Astori su tiro di Jankovic; nel recente Napoli-Udinese 3-3 non ha espulso Maggio per il fallo commesso al limite dell’area da ultimo uomo e in chiara occasione da rete sul friulano Maicosuel; in Samp-Torino 2-2 accordò una punizione dal limite ai doriani a venti secondi dalla fine del recupero del primo tempo salvo poi non concedere la rete segnata da Pozzi sulla respinta del portiere Padelli perché appena calciata la punizioe fischiò la fine dei primi 45’. Poi concesse un rigore generoso alla Samp per un contatto tra Glik ed Eder che, in realtà, sembrava più fallo di quest’ultimo che del granata. Insomma, un arbitro in bambola.

Speriamo bene per domenica, visto che nelle ultime 6 gare alla Roma sono mancati almeno 5 rigori. Compreso quello di lunedì sera a S.Siro contro il Milan per la strattonata su De Rossi che poteva portarla sul 2-0 e cambiare definitivamente in suo favore il corso della partita. Con Gervasoni vanta 8 presenze in campionato e uno score assolutamente favorevole, fatto di 6 vittorie, 1 pareggio e 1 sola sconfitta (26 ottobre 2011, Genoa-Roma 2-1). A coadiuvare il fischietto mantovano all’Olimpico saranno gli assistenti Barbirati e La Rocca, gli arbitri di porta Orsato e Di Paolo e il quarto uomo Grilli.

 

 

 

 

Fonte: il Romanista

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom