Rassegna Stampa

Gervinho stop alla Cina: era convinto, ma solo a parole. No di Hernanes

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 21-01-2016 - Ore 09:09

|
Gervinho stop alla Cina: era convinto, ma solo a parole. No di Hernanes

GAZZETTA DELLO SPORT - STOPPINI - I  milioni del Monopoli non servono a nessuno. Neppure alla Roma, che avrebbe anche bisogno di divertirsi, ma non al punto di bloccare una sessione di mercato. Dunque, sette mesi dopo l’Al Jazira, Gervinho«rischia» di restare ancora una volta a Trigoria, se dalla Cina non arriveranno notizie diverse da quelle piombate su Milano, le stesse che hanno spinto Walter Sabatini a chiedere informazioni dettagliate sul flop Luiz Adriano-Jiangsu. La situazione è chiara: i contatti e gli incontri tra Sabatini e gli emissari del club cinese non hanno portato alla formalizzazione di un’offerta vera e propria, come si aspettavano da Trigoria. Si è rimasti al pour parler. E certo non è un bel segnale. Lo Jiangsu, a parole, è arrivato a una proposta di 10 milioni di euro, la Roma è ferma a una valutazione di 12. Tutto sommato, non una distanza incolmabile. Ma…parole, parole, parole, al momento nulla di più. Nulla di più pure per Gervinho, che col passare dei giorni si era fatto convincere dalle avances cinesi. Oddio, non che fosse uno sforzo impossibile: triennale da 8 milioni netti a stagione, benefit compresi, più del doppio dell’ingaggio attuale. E adesso che succede? La Roma no, non può fermarsi. Ecco perché già ieri LucianoSpalletti ha provato a sondare il terreno con Gervinho. E oggi lo stesso farà Sabatini:l’obiettivo è far «dimenticare» all’ivoriano i soldi cinesi e coinvolgerlo nuovamente nel progetto Roma, magari con una convocazione per la gara con la Juventus di domenica. Nella quale potrebbe incrociare Hernanes: anche il brasiliano è stato cercato dallo Jiangsu, ma la Juventus ha respinto la proposta.

ALISSON E BOYÉ – Detto che l’affare Perotti viaggia su un binario parallelo, la possibile permanenza di Gervinho farebbe saltare l’arrivo di El Shaarawy. L’addio in prestito di Castan, al quale la Roma ha lasciato libertà di scelta, apre invece le porte all’arrivo di un difensore: offerto Caceres, profilo che non dispiace. Ma intanto Sabatini ha occupato il tempo chiudendo l’acquisto del portiere Alisson per 7 milioni: arriverà a fine agosto, complici le Olimpiadi, ecco perché a inizio febbraio Sabatini farà un tentativo con l’Arsenal per prolungare di un’altra stagione il prestito di Szczesny. Per l’attacco, dall’Argentina conferme sull’arrivo di Lucas Boyé, classe 1996, di proprietà delRiver Plate e oggi al Newell’s Old Boys. Al River la Roma ha garantito il 50% di una futura rivendita. Soldi veri, non del Monopoli.

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - STOPPINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom