Rassegna Stampa

Gervinho-Totti-Ljajic: Garcia ha scelto il tridente

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 28-02-2015 - Ore 11:00

|
Gervinho-Totti-Ljajic: Garcia ha scelto il tridente

Uno (Gervinho) si è confermato l’uomo dei gol europei, con il 5° centro stagionale tra Champions ed Europa League. L’altro (Totti) è da poco entrato nel top club degli «over 240», a cui appartengono pochi goleador nella storia del calcio. Il terzo, Adem Ljajic, viene dal suo primo centro europeo e guida la classifica attuale dei marcatori giallorossi. Insomma, nel momento in cui la Roma ha finalmente tirato fuori la testa dalle sabbia mobili e spera di andare incontro alla svolta stagionale (la sfida con la Juventus), Rudi Garcia sembra anche aver trovato il tridente definitivo, quello che può accompagnarlo fino al termine di questa stagione.

GERVAIS ACCELERA È difficile capire a chi dei tre potrebbe andare la copertina giallorossa in vista della Juve, per un motivo o per l’altro la meriterebbero probabilmente tutti a tre. Forse, però, il gol di Gervinho al De Kuip (che fa il paio con quello dell’andata) ha un’importanza pazzesca per gli equilibri offensivi della squadra di Garcia, perché dà una scossa di adrenalina ad un giocatore che per il francese ha un’importanza vitale. Quella, per esempio, che ancora non riesce ad avere Seydou Doumbia, timbrato come il flop di gennaio.

Che, tra l’altro, rischia di saltare anche la sfida di lunedì per il problema alla schiena che l’ha già messo fuori causa con il Feyenoord. «Ma io sono contento dell’arrivo di Seydou: ha grandi qualità sotto porta, una volta inserito nel gruppo ci darà una mano e farà molto bene, ne sono certo», dice Gervinho, tendendo una mano all’amico. Che, da parte sua, rassicura tutti così: «Sugli attaccanti ci sono sempre tante aspettative molto alte, non è mai facile. Ma lavorerò duro per dimostrare ciò che so fare».

TRA ADEM E IL MAGO Se Gervinho può essere l’uomo in grado di mettere in difficoltà la Juventus con la sua velocità e le su sterzate, Totti è destinato ad essere più che in passato il mago con la bacchetta magica, quello capace di mandare dentro a turno gli esterni che Garcia gli metterà a fianco. Nello specifico, proprio Gervinho e Ljajic. Del resto, Totti viene da due gare buone come quelle di Verona e Rotterdam ed in terra veneta ha segnato anche il suo 240° gol nella massima serie di competenza, entrando in un club speciale dove ci sono pochi altri eletti (tra cui Messi e Gerd Müller, tanto per intenderci). Fino a lì Ljajic non si arrampicherà mai, anche se poi i 9 gol stagionali di quest’anno gli hanno messo addosso un sorriso grosso così. Adem per Garcia finora è stato l’uomo dell’emergenza, quello che può far saltare le contromisure avversarie quando le squadre si chiudono e la Roma trova pochi spazi per andare. I suoi dribbling, i suoi uno-due, le sue giocate sono stati come il sale sulle ferite, facilitando la loro cicatrizzazione. Ora Ljajic può spingersi anche un po’ più in là .

ASSOU-EKOTTO Intanto, lunedì all’Olimpico ci sarà un ospite in più: Benoît Assou-Ekotto, ex terzino sinistro del Tottenham, 31 anni, appena svincolatosi ed in arrivo nella Capitale domani. Camerunense con passaporto francese, ha lo stesso agente di Garcia, Keita e Gervinho e sarà ospite di Sabatini. Magari sarà tutto un caso. O magari no .

Fonte: Gasport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom