Rassegna Stampa

Giallorossi senza sprint, Florenzi può darne un po’

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 07-04-2013 - Ore 08:18

|
Giallorossi senza sprint, Florenzi può darne un po’

(La Gazzetta dello Sport – A.Pugliese) - Sarà il primo derby di Andreazzoli, ma anche di Castan e Torosidis. La prima stracittadina da vincere per Miralem Pjanic, che in due anni non ha mai assaporato una gioia, cosa che tra i giallorossi che scenderanno in campo domani sera in verità è successa solo a Totti, De Rossi e Nicolas Burdisso (c’è anche Perrotta, ma il centrocampista è destinato alla panchina). Ma sarà anche un derby che si giocherà sulla testa, sui nervi. E sulla brillantezza, sulla freschezza atletica.

 

La testa La Roma, da questo punto di vista, è messa peggio della Lazio. Perché viene da un’altra annata che rischia di diventare un fallimento dopo le aspettative (grandissime) di luglio, perché la sconfitta di Palermo ha tagliato le gambe alle ultime (residue) speranze di Champions e perché sono tre derby consecutivi che esce in ginocchio. Di buono ci sarà l’ambiente, il calore dell’Olimpico, una tifoseria che ancora una volta sarà vicino alla squadra, unita nel segno del rispetto di una battaglia da vincere a tutti i costi. [...]

 

Le gambe La condizione fisica, anche, non è certo delle migliori in casa giallorossa. Basta ripensare proprio alla partita di Palermo per essere mediamente preoccupati. Squadra poco reattiva, gambe bloccate, giocatori spesso in ritardo sul pallone. E poca brillantezza negli affondi, intesi come inserimenti negli spazi. Ecco perché Andreazzoli sta pensando anche di «blindare» la difesa, con il doppio mediano (Bradley, De Rossi) davanti alla retroguardia.[...]

 

La mossa Rilanciato nelle ultime partite, in cui è stato utilizzato da trequartista, la novità di domani sera sarà lo spostamento come esterno sinistro di centrocampo di Florenzi. I motivi della scelta di Andreazzoli sono sostanzialmente due: regalare appunto più freschezza ad un centrocampo che nelle ultime uscite è sembrato faticare tantissimo (a Palermo, spesso e volentieri c’era un buco di 20-25 metri tra i giocatori impegnati in fase difensiva e il resto della squadra) e contrastare le scorribande su quella fascia di Candreva. Marquinho avrebbe faticato a contenerlo, soprattutto considerando che da quella parte (in difesa) c’è Leandro Castan, non certo un fulmine di guerra.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom