Rassegna Stampa

Giunta Raggi, la spina stadio. Fra 7 giorni il dossier a Berdini

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 08-07-2016 - Ore 06:48

|
Giunta Raggi, la spina stadio. Fra 7 giorni il dossier a Berdini

LA GAZZETTA DELLO SPORT – CATAPANO - Corrono bambini, di tutti i colori e di tutte le età. Forse è questa l’immagine che meglio rappresenta la ventata di novità che l’era Raggi porta nell’aula Giulio Cesare. Pubblico delle grandi occasioni, giornalisti da tutto il mondo, parenti orgogliosi. La fotografia di questa giornata di festa e promesse è quella che immortala Matteo, sei anni, seduto al posto di Virginia. Sindaco per qualche minuto, il piccolo della Raggi, dopo un lungo e commovente abbraccio con la mamma.

COMBATTENTE - Dal suo scranno, alla destra della sindaca, accanto al responsabile della Cultura Bergamo, il neo assessore all’Urbanistica Paolo Berdini, nemico giurato delle cementificazioni, 68 anni portati con leggerezza un po’ naif, guarda lo sciamare di questi bambini con la dolcezza di un nonno. E invece, per chi non lo conoscesse, sappiate che pochi sanno essere rigorosi nel sostenere quello in cui credono e come questo ingegnere coi baffi. E dunque, Roma 2024 è un progetto filosoficamente sbagliato (per il quale, ieri, il deputato e neo consigliere capitolino Fassina ha presentato una mozione in Parlamento, in cui impegna la sindaca a organizzare un referendum). «Il Villaggio olimpico a Tor Vergata? Per carità, non possiamo continuare ad allungare la città, le periferie non hanno servizi, dobbiamo ricucirle con il centro», ci rivela Berdini. Mentre lo stadio della Roma a Tor di Valle per lui è una specie di mostro a tre teste. «Inaudito, scellerato, uno scempio», disse, prima che qualcuno, dal Movimento, gli ricordasse il valore della cortesia istituzionale e il fatto che non fosse stato ancora nominato. Perciò, si adeguò: «Non l’ho letto, ma se è fatto bene non ci saranno motivi per non inviarlo in Regione». «Anzi – disse –, mi risulta che sia stato già spedito».

LA PARTITA NON È FINITA - Non è vero, ma fa lo stesso. Tra una settimana, gli uffici tecnici del Campidoglio sottoporranno ai nuovi assessori il dossier definitivo e le relazioni di accompagnamento. Berdini farà le sue valutazioni, ma se le richieste di integrazioni saranno state soddisfatte, il faldone prenderà il volo per via della Pisana. Il che non significa che la partita sarà finita. Dalle parti del Campidoglio, il progetto dovrà tornare per la firma della Convenzione e la variante al Piano regolatore. La Giunta Raggi avrà tempo e modo per mettere paletti. «La città è tecnicamente fallita e noi regaliamo alla Roma 400 milioni di opere pubbliche in un quartiere deserto», ha ripetuto Berdini. «Ci hanno lasciato una città in macerie e dovremo ricostruirla, liberi da compromessi», ha detto ieri la Raggi. Dello stadio della Roma, ne riparleremo.

Fonte: La Gazzetta dello Sport - Catapano

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom