Rassegna Stampa

Gol, calci e polemiche: Radja è sempre a cresta alta

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 16-12-2014 - Ore 10:11

|
Gol, calci e polemiche: Radja è sempre a cresta alta

Un anno fa, più o meno di questi tempi, a Roma si discuteva della valutazione (ritenuta troppo elevata) del cartellino di Nainggolan. Tre milioni per il prestito, altri sei per il riscatto della prima metà (anche se poi a bilancio il calciatore è stato iscritto con un valore di 12) venivano ritenuti, all’esterno di Trigoria, un’esagerazione.Dodici mesi dopo nessuno ha più dubbi sulla bontà della spesa. Anzi, per non correre rischi, il ds Sabatini sta cercando di chiudere la pratica-riscatto quanto prima sfruttando sia la ’carta’ Astori, (arrivato in estate in prestito) che gli ottimi rapporti con il ds sardo Marroccu, in passato ad un passo dall’entrare a far parte della dirigenza giallorossa. Nainggolan è infatti diventato l’anima della Roma. Dentro e fuori dal campo.

 
L’INSOSTITUIBILE –  La prestazione di Genova è l’ultima dimostrazione di quanto la squadra dipenda dal dinamismo del belga. A tal punto che il tecnico francese non ci rinuncia mai: con 1661 minuti stagionali è il giallorosso più impiegato, quasi cento minuti più del secondo, il centrale Manolas, ma anche più di De Sanctis, Pjanic e, udite udite, dell’intoccabile Gervinho. Era arrivato per garantire un ricambio al centrocampo Pjanic, De Rossi e Strootman.

E’ bastata una gara, il debutto in coppa Italia contro la Sampdoria (9 gennaio) per far dire a Garcia: «Sembra una vita che gioca con noi, è incredibile». Come l’ascesa nell’indice di gradimento del tecnico che da tempo ormai lo ritiene insostituibile.

 

 
LEADER E IDOLO -  Ma Nainggolan è entrato anche nel cuore dei tifosi giallorossi. Dell’ex cagliaritano, oltre al modo di giocare, piace anche la sfrontatezza con la quale si rapporta con le tifoserie avversarie sui social network. Esuberanza che a volte ha creato un po’ di disagio a Trigoria dove gli è stato chiesto di utilizzare maggiore moderazione. Detto, fatto: Radja ha modificato il suo atteggiamento diventando più ironico. I botta e risposta tra il belga e i sostenitori juventini sono diventati un happening imperdibile nei post-partita. Ieri l’ennesima puntata: a chi lo criticava per aver cercato il contatto con Perin anziché saltarlo e provare la conclusione a rete (!), il calciatore ha replicato: «Hai ragione, il rigore non c’era…». Agli altri che invece gli chiedevano perché non parlasse più degli arbitri, ha risposto con una risata: «Ahhahaah le lunette dei corner invece le cancelliamo da oggi in poi», alludendo al pallone calciato da Marchisio che poi si è trasformato nell’assist vincente per il gol di Evra. Mercato e dintorni: la Roma ha messo gli occhi su Baba, ghanese, 22 anni, terzino mancino dell’Ausburg. Si tratta.

Fonte: il messaggero (S. Carina)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom