Rassegna Stampa

Grane Roma. Garcia in ansia. Totti in attesa

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 01-07-2013 - Ore 08:45

|
Grane Roma. Garcia in ansia. Totti in attesa

A tutti coloro che non sono a bordo della Crociera giallorossa, salpata ieri da Civitavecchia tra allegre orchestrine e ricchi premi e cotillon, state tranquilli: la Roma vi stupirà con effetti speciali. A voi che siete rimasti in città con la sgradevole sensazione che tra rotonde sul mare e sogni americani (Pallotta l’ha detto: «Sono l’uomo più competitivo del pianeta»), in realtà la Roma stia ballando sul Titanic, non abbiate paura: Walter Sabatini vi regalerà fuochi d’artificio. 

I SETTE GIORNI  Il pirotecnico d.s. giallorosso si è dato i sette giorni, a partire da oggi.Manca una settimana al raduno della Roma di Garcia e in questo lasso di tempo Sabatini sarà in grado di soddisfare le richieste del tecnico e sistemare quelle due-tre pendenze che tolgono il sonno ai tifosi. La lista delle cose da fare, in realtà, spaventerebbe anche uno staff dirigenziale ricco e organizzato, perciò non vorremmo essere nei panni del d.s., solo al timone dell’area tecnica dopo l’abbandono di Baldini.Giocatori da vendere per fare cassa, giocatori da comprare con i soldi delle cessioni, staff tecnico da completare con un preparatore atletico (e una sistemazione congrua dello scomodo Andreazzoli), il contratto del calciatore simbolo (Totti) da rinnovare, il destino dell’altra bandiera (De Rossi) da decifrare. A sette giorni dal via ufficiale dei lavori, alla Roma mancano un portiere, un difensore centrale, due terzini, un centrocampista, un’ala, un centravanti che rimpiazzi Osvaldo. Come si dice da queste parti, non sono fiaschi che s’abbottano. Soprattutto se due anni di risultati mediocri e assenza dai palcoscenici europei hanno fatto crollare il tuo appeal. 

QUANTI NO Sabatini lo ha sperimentato sulla sua pelle: voleva Mazzarri e Allegri, ha convinto solo Garcia; cercava Rafael o Julio Cesar, al massimo prenderà Diego Alves; aveva le mani su Paulinho, ma ora fatica a prendere anche Nainggolan (nel caso si ripiegherà sul celebre Rio Mavuba); sognava Jovetic, e si è risvegliato con Gilardino. Nemmeno Benatia, che aveva già fissato le visite mediche, è stato ancora ufficializzato: troppo scaltra l’Udinese e troppo debole la Roma, che alla fine sarà costretta a cederle Nico Lopez, che sta impazzando al Mondiale Under 20. Un anno fa l’uruguaiano era un pupillo di Sabatini, oggi è diventato una pedina di scambioÈ la nuova dimensione della Roma, bisogna farsene una ragione.

Fonte: (Gazzetta dello Sport – A.Catapano)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom