Rassegna Stampa

I crocevia della Capitale, Nainggolan adesso torna. La Roma punta tutto su di lui

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 03-07-2016 - Ore 06:52

|
I crocevia della Capitale, Nainggolan adesso torna. La Roma punta tutto su di lui

LA GAZZETTA DELLO SPORT – ZUCCHELLI - Due anni fa, quando il Belgio fu eliminato dal Mondiale e lui se ne stava in vacanza, in patria in pochi si chiedevano come mai non fosse stato convocato. Ora, che il Belgio è stato eliminato dall’Europeo in molti si chiedono come mai i compagni non siano stati alla sua altezza. È stato il migliore a disposizione del criticatissimo c.t. Wilmots, Radja Nainggolan, che con il suo gol con il Galles (secondo nel torneo), sembrava aver spianato la strada verso le semifinali. Non è stato così, Bale e compagni sono andati avanti, Radja è torna a casa. Mai come stavolta, nel vero senso della parola: in Italia lo aspettano la moglie, la piccola Aysha e una nuova bimba in arrivo tra un mesetto. Ma anche la Roma e Spalletti, che dopo la partenza di Pjanic e prima del ritorno a pieno regime di Strootman, vedono in lui il faro del centrocampo. E tra i tanti che in queste settimane hanno criticato Wilmots c’è stato anche il tecnico toscano, che senza tanti giri di parole ha detto: «Non sfrutta a pieno le qualità di Radja».

SUPER STAGIONE - Con lui Nainggolan è rifiorito, complice anche il ruolo da trequartista che tanto gli piace. Venerdì è finita la sua stagione, ora solo mare e riposo, d’altronde le fatiche sono state tante: 42 partite con la Roma, 12 col Belgio, 54 incontri in totale, 9 reti (6 con il club, tutte con Spalletti in panchina) e appena 5 impegni saltati tra Europeo, Serie A, Champions e Coppa Italia. Un anno impegnativo, che farà da apripista a quello della definitiva consacrazione: Radja salterà il ritiro di Pinzolo, si aggregherà alla squadra per la tournée americana, da vedere se dall’inizio o qualche giorno più tardi. Ha bisogno di riposo, ma d’altronde, lo dice lui stesso, è uno che troppo fermo non riesce a stare.

BYE BYE CHELSEA? - «Sono deluso — ha scritto su Instragram —, ma ho fatto un buon percorso ed è stata una bella esperienza». Il suo primo grande torneo con la nazionale, una delusione grande, visto che il Belgio era considerata una delle favorite ed era dalla parte più semplice del tabellone, ma da archiviare in fretta. Così come sarebbe da archiviare il corteggiamento di Conte: Nainggolan ne è stato lusingato, ma ha sempre detto al Chelsea e a lui di parlare con la Roma perché non avrebbe puntato i piedi per essere ceduto. È stato di parola, nonostante le parole le abbiano usate eccome sia lui dal ritiro del Belgio sia il suo procuratore a Trigoria per chiedere alla società il rinnovo di contratto con adeguamento. La Roma lo accontenterà, non è una priorità, ma entro fine estate lo stipendio salirà a circa 4 milioni (più bonus). Basterà a chiudere ogni porta a un eventuale trasferimento a Londra?

Fonte: La Gazzetta dello Sport - Zucchelli

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom