Rassegna Stampa

I droni invadono i cieli della Capitale. La polizia li userà per cortei e stadio

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 30-05-2015 - Ore 09:10

|
I droni invadono i cieli della Capitale. La polizia li userà per cortei e stadio

CORRIERE DELLA SERA / FRIGNANI - Il tempo del gioco è finito. Considerarlo un hobby è quasi offensivo. La rivoluzione dei droni ha invaso la Capitale e allo studio ci sono progetti che diventeranno realtà entro breve per il controllo del territorio, la prevenzione dei reati, le indagini anticrimine e per l’ordine pubblico, nonché per i soccorsi di qualsiasi genere, da quelli sanitari a quelli della Protezione civile. E se per gli organizzatori di Roma Drone 2015, in programma oggi e domani all’aeroporto dell’Urbe sulla via Salaria, questi apparecchi sempre più sofisticati sono «il futuro dell’aviazione», bisogna anche considerare che ormai vengono utilizzati da tutti: poliziotti, giornalisti, fotografi, agricoltori, operatori video, archeologi, ambientalisti, soccorritori e da chi si occupa di telecomunicazioni. Per i militari sono opportunità già colta da tempo e sempre in via di miglioramento.

Il drone della polizia è il FlySecur ed entrerà in servizio su Roma per essere utilizzato permanifestazioni, stadio e altre attività investigative. L’Aeronautica militare gestisce invece i Predator e i Raven – oltre al modernissimo P11 HummerHead -, la Croce Rossa i modelli per individuare luoghi difficilmente accessibili e persone in pericolo, ma anche per il trasporto di medicinali laddove non è possibile arrivare con i mezzi tradizionali. Ma all’Expo dell’Urbe ci sono anche micromodelli creati da bambini di otto anni che frequentano l’istituto Massimo e che faranno volare una cinquantina di droni tutti insieme.
D’altra parte nella Capitale sono già un migliaio i piloti virtuali, con o senza telecamere. Una passione in espansione diventata un business e un’occasione di lavoro. Tanto che nel corso della manifestazione, con oltre 60 espositori, 200 droni in mostra e decine di convegni – nell’aeroporto che 85 anni fa ospitò la prima fiera del volo in Italia – sarà presentato il «Dji Phantom», l’ultimo modello del quadricottero più venduto al mondo e verrà annunciato da Skyrobotic l’avvio a Terni del più grande centro produttivo italiano per lo sviluppo industriale di droni civili e commerciali.

Fonte: CORRIERE DELLA SERA / FRIGNANI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom