Rassegna Stampa

I due Luciano e un capitano da moltiplicare

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 20-04-2016 - Ore 08:18

|
I due Luciano e un capitano da moltiplicare

LEGGO - BUFFONI - Com’è ammalianteSpalletti quando parla di calcio. Quando spiega gli errori commessi dalla difesa sul primo gol dell’Atalanta, quello segnato da D’Alessandro.Manolas che porta palla, Zukanovic che si allarga per prepararsi a riceverla e i due terzini, Rüdiger eDigne, che salgono entrambi lasciandosi alle spalle i rispettivi avversari: «Eravamo 2-0, che bisogno c’era? La Roma non può prendere gol così». Splendido. Com’è diverso invece Spallettiquando sceglie di tornare sull’argomentoTotti, sfruttando una richiesta di spiegazione alla rinuncia a Keita per fare inversione a U: «Non è mai il singolo che fa la differenza. Non è giusto ignorare le cose buone che fanno gli altri. Nel gol di Totti a Bergamo c’è un lavoro di squadra». Ok mister, chiaro. I tifosi devono cancellarsi dall’anima il tatuaggio del capitano «che non è più quello di una volta» perchéPallotta così ha deciso. Però poi ammette «quando lo metto è perché spero che ci faccia vincere. E quella palla che dà a Dzeko è stata più bella del gol». C’è solo un capitano allora? Macché. L’ordine di scuderia è tirarne su altri 4-5 come Totti. Facile no? Come moltiplicare i pani e i pesci.

Fonte: LEGGO - BUFFONI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom